Emiliano non fa dietrofront: “Scuole chiuse fino al 24”

BARI – Ha il sapore di uno scontro la decisione diramata poco fa dal governatore Michele Emiliano che ribadisce la chiusura delle scuole sino al 24 novembre. “Se il governo ritiene necessaria la riapertura, chieda la revoca dell’ordinanza”.

“L’ordinanza di chiusura delle scuole rimane in vigore fino alla scadenza del 24 novembre 2020 – ha chiarito Emiliano -. Al fine di andare incontro alle esigenze formative ed alla volontà delle famiglie che desiderano per i loro figli la didattica in presenza, il Presidente della Regione, a richiesta dell’Uffcio Scolatico Regionale, è disponibile a consentire ai dirigenti degli istituti scolastici di aumentare la quota di didattica in presenza attualmente autorizzata fino a soddisfare le richieste delle famiglie, compatibilmente con le previsioni del nuovo Dpcm e sempre che le condizioni epidemiologiche lo consentano”.
Di qui, poi, la stoccata al governo: “Se ritieneassolutamente necessaria la riapertura della didattica in presenza secondo le previsioni del Dpcm promulgato ieri, potrà richiedere espressamente la revoca dell’ordinanza del Presidente della Regione Puglia che la valuterà di intesa col Ministro della Salute”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*