Lecce: la folla della movida, senza i locali della movida

LECCE – Immagini come queste, esattamente come accaduto durante la prima ondata di contagi in primavera, dividono l’opinione pubblica, soprattutto quella da tastiera, tra accusatori e chi definisce questi ultimi “sceriffi”.

Ma il dato è oggettivo: le strade di Lecce, dalle 18,00 in poi, nel giorno della festa di tutti i santi, erano affollate. E questo si chiama assembramento. Anche se i locali avevano già chiuso.

L’altro dato oggettivo è che i decreti parlano chiaro: bisogna evitare i contatti sociali non necessari.

L’affollamento in Via Trinchese era degno di ogni festa di S. Oronzo che si rispetti, ma anche in altri punti della città, stesso copione. E spesso i protagonisti non indossano neanche la mascherina. Qui siamo in via Zanardelli e le foto sono state pubblicate nel gruppo Facebook “Vivere Lecce”.

La folla della movida, senza i locali della movida, costretti a chiudere o a reinventarsi offrendo apertitivo o pranzo per sopravvivere.

“Evitare i contatti sociali non necessari e le occasioni di svago in centro è un preciso dovere civico di tutti noi.

Ce lo stanno raccomandando da settimane medici e scienziati -dice il sindaco Salvemini- Chi sceglie di ignorare questi appelli – che non sono divieti ma raccomandazioni – uscendo a passeggiare come se niente fosse, è un irresponsabile.

Che non mostra neanche alcun rispetto nei confronti di chi è costretto a spegnere le luci delle proprie attività alle 18.00. O di chi non può andare a scuola.

Chi si ribella ai controlli dei vigili, come è avvenuto questo pomeriggio con un gruppo di persone che rifiutavano di indossare la mascherina, deve essere sanzionato, come è avvenuto”. E annuncia che chiederà i rinforzi durante la prossima riunione, in Prefettura, del Comitato per l’ordine e la sicurezza, per proteggere la città dagli irresponsabili”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*