Tamponi, ora si potranno fare a pagamento

BARI – Da ora chiunque potrà ottenere un tampone se sospetta di avere il Covid. Lo potrà fare ma a pagamento.

La Regione ha accelerato l’accordo che era in cantiere da tempo: la rete di laboratori privati che già ha affiancato le Asl nella fase di diagnosi per la mole di rientri dall’estero, ora potrà effettuare i tamponi a tutti i cittadini che hanno un sospetto ma che la Asl non riconoscerebbe loro perché non rientranti nelle categorie fissate.

Ciò che aveva bloccato sino ad ora l’accordo, era la scorta di tamponi per lungo tempo è stata sufficiente solo per le strutture pubbliche. Se le avessero distribuite prima ci sarebbe stato il grave corto circuito vissuto in America dove chi poteva investire del denaro proprio aveva la precedenza su chi doveva attendere la via pubblica e gratuita. Per questo si è atteso che le scorte dei tamponi fossero sufficienti.

Resterà garantito dalla Asl – e quindi gratuito – in caso di sintomi o contatti stretti con un caso accertato di covid. A pagamento sarà per chi vorrà per proprio scrupolo o diversa esigenza sottoporsi al test molecolare. Il costo massimo fissato dalla giunta è di 80 euro ma si attende che il tavolo tecnico lo confermi o ne imponga il ridimensionamento.
Nel caso in cui il tampone risulti positivo bisognerà ugualmente comunicarlo al Dipartimento di prevenzione competente; a farlo sarà il laboratorio che ha effettuato il test e subito dopo si attiverà il sistema di tracciamento dei contatti per spegnere il focolaio. Nella provincia di Lecce i laboratori convenzionati sono: Lifebrain – Lecce, Mater Gratiae – Squinzano, Monteronese – Veglie, Biomedica – Parabita, Clinic Lab – Leverano  e Forcina – Galatina.

Per il neo assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, è “un momento critico”. Di qui l’appello alla collaborazione perché “dobbiamo aiutare a prevenire l’impatto sul sistema ospedaliero. Un sistema che deve continuare a lavorare. Ma il risultato lo possiamo raggiungere – ha concluso – solo con l’aiuto di tutti i cittadini. Cerchiamo di essere prudenti”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*