Segregata in casa e bastonata dal compagno: 37enne si salva lanciandosi dal terrazzo

LECCE- È stata picchiata con una sbatta di ferro dal suo compagno dopo un furioso litigio e dopo essere stata tenuta chiusa in casa per un mese. Il 47enne leccese arrestato sabato per sequestro di persona, le aveva anche tolto il cellulare impedendole ogni contatto con l’esterno. Una situazione che la vittima, una 37 enne di San Cesario, ha tollerato sino all’ultimo violento litigio. Per fuggire alla sua furia, è stata costretta a lanciarsi dal terrazzo. Il compagno l’aveva barricata in casa, chiudendo a chiave porte e finestre. Una volta strada, in via Vecchia Lizzanello è riuscita a fermare un automobilista che ha poi chiamato la polizia.

La donna era agitata e aveva sul volto e sul corpo i segni delle botte e della caduta: ecchimosi e ferite sulla schiena e sulle ginocchia. Le mancavano anche delle ciocche di capelli che il compagno le aveva strappato dopo averla accusata di aver rubato del denaro da un salvadanaio. Ha raccontato tutto ad una pattuglia delle Volanti che si è messa alla ricerca dell’ aguzzino. Il 47enne, personaggio già noto alla polizia, si era nascosto in uno stabile disabitato vicino casa, ma è stato trovato e arrestato. Oltre a recuperare la sbarra metallica usata per picchiare la compagna, i poliziotti hanno trovato anche della droga e un arsenale: 11 grammi di marijuana, qualche dose di cocaina, materiale per il confezionamento e poi tre spade tipo catana, una balestra con tre frecce, due fucili softair privi del tappo rosso con binocolo di precisione, quattro cellulari, una stella a tre punte, la targa di autoveicolo denunciata come smarrita.

La 37enne, medicata in ospedale, ha avuto una prognosi di 10 giorni. L’uomo è stato arrestato per sequestro di persona e detenzione illegale di armi e droga. Un mese prima i due avevano cominciato a convivere, ma lui le aveva posto come condizione il fatto che non dovesse uscire da casa. Dopo aver accettato, la donna si è resa ben presto conto, di essere stata segregata.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*