Bar di Gallipoli non rispetta le norme anticontagio: chiuso per 5 giorni

minerva

GALLIPOLI – Non si fermano i controlli da parte degli agenti del Commissariato di Gallipoli per contenere la movida indisciplinata e per contrastare lo spaccio di droga, soprattutto in Baia Verde.

Nella tarda serata di ieri, gli agenti della squadra amministrativa, a seguito di apposito controllo amministrativo finalizzato a verificare l’attuazione dell’ordinanza del Ministero della Salute datata 16 agosto 2020, ha sanzionato il titolare di un bar del centro di Gallipoli.

A seguito di un sopralluogo, documentato dall’operatore della polizia scientifica, e successivo controllo amministrativo, è emerso che il predetto esercizio pubblico non rispettava le linee guida anticontagio.

Nello specifico, il titolare consentiva l’ingresso nel locale ad un numero illimitato di giovani, alcuni di essi senza mascherina, creando assembramento e senza assicurare la distanza di un metro a chi stava consumando al bancone. Il titolare stesso non indossava la mascherina, unitamente ad alcuni suoi dipendenti.

Pertanto, al titolare è stata applicata la sanzione amministrativa di 400.00 euro e la sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio per la durata di 5 giorni.

Il trasgressore verrà segnalato, per le valutazioni in ordine all’eventuale prolungamento della chiusura provvisoria, alla locale Prefettura.

Sempre ieri, gli agenti della “squadra volante”, mentre erano impegnati nel controllo del territorio in zona Baia Verde, ancora frequentata da tantissimi giovani e quindi punto di interesse per gli spacciatori, hanno sorpreso un cittadino gambiano, un 26enne senza fissa dimora, che, alla vista della volante, ha tentato di nascondersi tra le dune di sabbia. Insospettiti e guidati dall’indicazione fornita da un collega in servizio a Roma ma in vacanza a Gallipoli, che dalla spiaggia aveva notato tutta la scena, gli agenti del Commissariato di P.S. di Gallipoli hanno bloccato l’uomo e ritrovato la droga che il fermato aveva cercato di occultare tra le dune. Per questo sono stati sequestrati circa 40 grammi di marijuana, circa un grammo e mezzo di cocaina ed un centinaio di bustine trasparenti utilizzate per lo spaccio dello stupefacente. Il 26enne è stato quindi denunciato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e verrà segnalato alla Questura di Foggia, visto che è pendente una richiesta di asilo politico.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*