Aumenta il consumo di pesce, ma occhio al falso Made in Italy

PUGLIA – Per difendersi dalle temperature bollenti di agosto e dedicarsi al workout spiaggia per tenersi in forma, cambiano i menù dei pugliesi che ricercano piatti light, con l’aumento del 25% del consumo di pesce, proprio quando la flotta pugliese ha tirato letteralmente i remi in barca per il fermo pesca che ha stoppato le attività fino al 29 agosto.

Il fermo scade quest’anno in un momento difficile per il settore, duramente colpito dall’emergenza coronavirus con danni da 150 milioni di euro stimati da Coldiretti Impresapesca per effetto di produzione invenduta, perdite economiche derivanti dal crollo dei prezzi e dal deprezzamento delle specie ittiche a maggior pregio non richieste dalla ristorazione, ancora alla prese con una difficile ripartenza. Se il lockdown dei mesi scorsi ha già favorito il consumo di prodotto surgelato, che in 9 casi su 10 arriva dall’estero, il fermo aumenta ulteriormente il rischio di ritrovarsi prodotto straniero nel piatto per grigliate, zuppe e fritture, soprattutto al ristorante dove il pescato viene servito già preparato.

Tra i trucchi nel piatto più diffusi in Italia ci sono il polpo del Vietnam spacciato per nostrano, lo squalo smeriglio venduto come pesce spada, il pesce ghiaccio al posto del bianchetto, il pagro invece del dentice rosa o le vongole turche e i gamberetti targati Cina, Argentina o Vietnam, dove peraltro è permesso un trattamento con antibiotici che in Europa sono vietatissimi perchè pericolosi per la salute.

E intanto la flotta peschereccia pugliese ha perso oltre 1/3 delle imprese e 18.000 posti di lavoro, con un contestuale aumento delle importazioni dal 27% al 33%.

Di assoluto rilievo i numeri del settore in Puglia, il cui valore economico è pari all’1% del PIL pugliese e arriva fino al 3,5% se si considera l’intero indotto, conta 1500 imbarcazioni, 5000 addetti, 10 impianti di acquacoltura e mitilicoltura. Le aree vocate sono prioritariamente Manfredonia, Molfetta, sud Barese, Salento, dove il pescato più importante è costituito da gamberi, scampi, merluzzi.

Il consiglio per scegliere pesce fresco è quello di acquistarlo, laddove possibile, direttamente dal produttore che garantisce la freschezza del pescato; Verificare sul bancone l’etichetta, che per legge deve prevedere la zona di pesca; Verificare che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, che le branchie abbiano un colore rosso o rosato e siano umide e gli occhi non siano secchi o opachi, Per molluschi e mitili, è essenziale che il guscio sia chiuso; Per i gamberi verificare che non abbiano la testa anneritA. In ogni caso, meglio non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne .

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*