AttualitàCronaca

Assembramenti nella movida, il Questore: “Banco di prova, ora agiremo”

SALENTO- “Inconcepibile che noi albergatori  per poter lavorare, semmai  ci sarà l’opportunità, dobbiamo assumerci una responsabilità civile e penale tale da farci davvero riflettere sull’ opportunità di aprire o meno, e poi ci sono posti  in cui le regole non esistono.  Ma quale estate  della responsabilità? Sarà  l’estate dei dritti e dei fessi”. Come a dire: figli e figliastri, con regole invece che dovrebbero valere per tutti allo stesso modo. È l’amara riflessione di un albergatore salentino all’indomani del primo week- end dopo il lockdown che ha riportato la gente in strada, la riapertura dei locali, la ripresa della movida, la tintarella e i bagni al mare, con gli inevitabili assembramenti.

Torre dell’Orso, marina di Melendugno, è stata  presa d’assalto da tante persone attirate dalla bellezza del mare, dal bel tempo, e dalla riapertura dei locali più gettonati. In barba alle norme anti-contagio però gli assembramenti, nelle aree fuori dalla competenza dei gestori, sono evidenti: sul lungomare e nell’anfiteatro nessuna distanza di sicurezza, la maggior parte delle persone senza mascherina, nessuno a controllare il rispetto delle regole. “Impossibile farlo- risponde il sindaco Marco Potì- non abbiamo uomini sufficienti per i controlli: il Governo stanzi i fondi per la sorveglianza”.

Assembramenti si sono registrati anche a Lecce. Un fiume di gente ha invaso via Trinchese, poi le transenne e i vigili hanno imposto il senso unico di marcia. Assembramenti anche nel cuore della movida leccese, in alcune zone di Gallipoli, a Santa Caterina. 

Un banco di prova, questo sabato e domenica di prime aperture, dove se da una parte la gran parte dei gestori si è adeguata a tutte le norme di sicurezza, dall’altra il buon senso dei cittadini è stato lasciato a casa. L’euforia della libertà però potrebbe giocare brutti scherzi. E se da un lato i sindaci si sentono inermi di fronte a certe situazioni, dall’altro le forze dell’ordine sono chiare. ” Gli ammonimenti non bastano – dice il Questore di Lecce Andrea Valentino– insieme alle altre forze dell’ordine rimoduleremo gli interventi e saremo costretti a passare alle sanzioni laddove ci siano trasgressioni evidenti, perché gli spostamenti sono liberi ma gli assembramenti sono vietati. Le criticità emerse in questi due giorni e segnalate saranno quindi oggetto di servizi mirati”.

 

Articoli correlati

“Follow me!” Il volontariato al tempo dei social

Andrea Contaldi

Punto d’incontro tra le aziende e la base logistica dell’Onu

Andrea Contaldi

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

Redazione

Ex ospedale Poggiardo: Pagliaro: “Criticità irrisolte dopo 14 mesi da mia ispezione”

Redazione

Presicce-Acquarica: gatto morto davanti allo studio del sindaco

Redazione