Alunno ferito durante temporale, la scuola dovrà risarcirlo

LECCE – La Corte d’Appello Civile di Lecce ha condannato il Ministero dell’Istruzione e la Provincia di Lecce al risarcimento dei danni fisici subiti da un alunno in orario scolastico, per omessa vigilanza e per inosservanza della normativa antinfortunistica e di sicurezza negli ambienti scolastici. Il fatto risale ad alcuni anni fa. Nel corso di un forte temporale, in un istituto di istruzione secondaria di Lecce, il personale scolastico aveva disposto la evacuazione delle aule, conducendo gli studenti nell’atrio posto al piano terra, facendoli sostare nei pressi della porta di ingresso, priva dei dispositivi di sicurezza previsti dalla vigente normativa, non essendo dotata delle chiusure a molla e di vetri antisfondamento. A causa di una improvvisa raffica di vento, il portone si era chiuso violentemente, causando la rottura della vetrata, i cui frammenti avevano colpito sul volto uno degli alunni, provocandogli gravi ferite e pregiudizi di natura estetica. A fronte del rifiuto dell’istituto scolastico e della compagnia assicurativa di pagare i danni prodotti dall’evento, i genitori dell’alunno, all’epoca minorenne, si erano rivolti al Tribunale Civile, che aveva rigettato la richiesta di risarcimento, sostenendo che lsi trattasse di un caso fortuito, in quanto il carattere eccezionale e imprevedibile del forte temporale avrebbe interrotto il nesso di causalità tra il comportamento del personale scolastico e l’evento dannoso.

Di tutt’altro avviso la Corte d’Appello – a cui si è rivolta la famiglia con l’Avv. Luigi Quinto – che ha accolto la domanda di risarcimento danni dei genitori del ragazzo, chiarendo, da un lato che il personale docente e non docente non avrebbe adottato le misure comportamentali idonee a scongiurare l’insorgere di simili danni e per aver fatto sostare gli alunni in un luogo non sicuro, e anche che la mancata rispondenza dell’edificio ai requisiti di sicurezza configura un ulteriore comportamento omissivo, addebitabile sia all’istituzione scolastica che all’amministrazione provinciale, proprietaria degli immobili, entrambe condannate in via solidale al risarcimento dei danni in favore dell’alunno e dei suoi genitori, con le maggiorazione di legge ed il pagamento delle spese processuali. “La sentenza in oggetto – ha osservato l’Avv. Quinto – assume particolare interesse, in quanto testimonia l’inadeguatezza del patrimonio edilizio scolastico del nostro territorio e la necessità che venga con urgenza sottoposto a revisione, con il concorso degli enti pubblici interessati, al fine di adeguarlo alla normativa vigente che persegue l’obiettivo di scongiurare il verificarsi di eventi dannosi per la salute degli studenti e dei lavoratori, nonché il carattere urgente ed imprescindibile della divulgazione, anche mediante appositi corsi, di tutte le norme relative alla sicurezza negli ambienti scolastici”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*