Protezioni e test, forze dell’ordine e del soccorso pubblico: “Emiliano sfugge”

SALENTO – “Il 23 marzo le avevamo chiesto di valutare l’attivazione di idonei protocolli per la salvaguardia della salute del personale che rappresentiamo, cioè quello delle forze dell’ordine e del soccorso pubblico, operante in prima linea e maggiormente esposto al contagio. Ad oggi, Lei non ci ha onorato di alcuna risposta”.  I sindacati delle forze dell’ordine e del soccorso pubblico Conapo, Sap, Unarma, Sappe, Silf sollecitano ancora una volta il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano– I dati statistici della regione Puglia, ricavati dai bollettini ufficiali, recitano che il numero dei casi positivi è in continuo aumento: fino ad oggi ben superiore a 3300 (tremilatrecento) e non si registra per il momento un’inversione di tendenza; vi è poi la non trascurabile percentuale quotidiana di decessi. Ed in questa impietosa statistica si registrano purtroppo anche numerosi casi di appartenenti alle forze dell’ordine e del soccorso pubblico.

I dati proseguono poi con l’indicazione che dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati oltre 38.000 test. Ci chiediamo: a chi sono stati effettuati questi test?” Sottolineano, poi, come altre Regioni, come la Campania, l’Umbria, il Lazio, la Toscana, l’Emilia Romagna e il Veneto, abbiano deliberato l’applicazione di tali test agli operatori della sicurezza. “Ancor più angosciante -continuano- è chiedersi se qualcuno che purtroppo non c’è più si sarebbe magari potuto salvare con un semplice test preventivo. Ma ancora di più ci chiediamo, ora: quanti appartenenti al comparto sicurezza e soccorso pubblico pugliese, stanno rischiando ogni giorno di infettarsi e di morire o di infettare a loro volta un collega o un cittadino di turno o una persona cara rientrando a casa? L’interrogativo più fragoroso, per noi operatori della sicurezza di tutta la Puglia, costantemente a rischio contagio, è proprio il perché del suo silenzio Presidente Emiliano, all’appello di protezione di chi è costantemente per strada a garantire l’altrui protezione, compresa la sua”.

A sostenere la richiesta dei sindacati, la Lega Puglia: “Non sono più tollerabili ritardi nei confronti di chi ogni giorno è per strada e, da oramai due mesi, vive con angoscia ogni contatto sia con i cittadini ai posti di blocco e nei relativi controlli che con i propri famigliari -dicono il Segretario Regionale e i parlamentari pugliesi- D’Eramo, Marti, Tateo e Sasso.Vanno garantite sia l’operatività quotidiana del personale delle forze dell’ordine, attraverso protocolli evidentemente non ancora esecutivi, che l’incolumità degli stessi cittadini”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*