Tra morsi e recidivi, continuano i controlli anti contagio

SALENTO – Giornata movimentata per un 47enne di Aradeo. Denunciato in mattinata e arrestato in serata, finisce ai domiciliari da cui evade nella notte. Alla fine è stato arrestato dalla Polizia di Stato. In mattinata, l’uomo , controllato alla guida della propria autovettura, in giro senza una meta precisa, non digerendo il controlli della pattuglia aveva tentato di colpire con un pugno uno dei poliziotti, senza fortunatamente riuscirvi. Per questo è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale. Nella stessa serata è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Neviano perchè, insieme ad un’altra persona, responsabile (ancora una volta) di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Ma non finisce qui, nella mattinata successiva, i poliziotti, allo scopo di notificare la contestazione di violazione delle norme anti contagio, accertavano l’evasione dai domiciliari. Per questo, è stato arrestato.

A Brindisi, i Carabinieri hanno tratto in arresto una 36enne di origine nigeriana con regolare permesso di soggiorno che nel tentativo di sottrarsi al controllo dei carabinieri ha opposto resistenza fisica, spintonando il caposervizio, tentando di prenderlo a morsi.

A Lecce, una volante, procedeva, in via Adriatica, al controllo di un’autovettura condotta da un 22enne leccese, con accanto una 18enne e seduto sul sedile posteriore un ragazzo 17enne. Il minorenne è stato tratto in arresto perchè trovato in possesso di 400 grammi di marijuana.

Sempre a  Lecce, la Polizia di Stato chiude per 30 giorni il distributore automatico “cannabistore” di Piazza Palio su provvedimento della Prefettura.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*