Attualità

Azienda può produrre dispostivi di protezione ma la burocrazia la blocca: appello del sindaco di Lequile

LEQUILE – Vorrebbe una risposta ad una semplice richiesta: aiutare gli operatori sanitari ad ottenere il più presto possibile i dispositivi di protezione per lavorare in sicurezza. Un appello rivolto dal sindaco di Lequile Vincenzo Carlà al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. E la richiesta è semplice: una certificazione per poter permettere a Pietro Demita, titolare della Diamond Couture, azienda impegnata nel settore moda sposa con sede a Veglie, di potersi spostare e raggiungere l’azienda per poter produrre mascherine e tute, dispositivi necessari e ormai introvabili. L’azienda, contattata nei giorni scorsi dal Politecnico di Bari incaricato dalla stessa Regione a ricercare realtà in grado di poter cucire i dispositivi, non può però farlo: manca una certificazione che consenta al titolare e agli operai di potersi spostare per raggiungere la sede della fabbrica.
Sono passati giorni da quando la richiesta è stata inoltrata alla Regione, ma ancora nessuna risposta.
“Basta burocrazia- dice il primo cittadino- i nostri imprenditori sono in grado di produrre quanto necessario”. Un appello al quale si è unito lo stesso imprenditore: “Siamo in regola, possiamo lavorare per aiutare tutti”.

Articoli correlati

Lecce 2050: in un corto i grandi temi per progettare una città euro-mediterranea

Erica Fiore

Assistenza sanitaria estiva, rete potenziata: 20 postazioni e 6 ambulanze

Erica Fiore

Una rete per contrastare le povertà educative, l’evento finale a Le Costantine

Barbara Magnani

Morandi e Fiorello in giro per il Salento

Elisabetta Paladini

A Don Antonio Coluccia il premio Ipogeo 2024

Redazione

A Casarano l’abbraccio a difesa del “Ferrari”

Isabel Tramacere