Attualità

Rsa Soleto, i parenti: “Farmaci non somministrati”. Il sindaco: “Cure garantite a tutti”

SOLETO- La situazione, pian piano, all’interno della RSA La Fontanella di Soleto, sta migliorando. Non si può dire stia tornando alla normalità, perché restano, all’interno, degli ospiti positivi al CoVid e resta la grande preoccupazione dei parenti degli ospiti. 83 anziani che, per ore, sono stati senza assistenza.

Dopo il caso di una paziente positiva, portata in ospedale dal 118 e poi deceduta, tutti i dipendenti e gli ospiti sono stati messi in quarantena. Dopo un’ordinanza ad hoc del sindaco, la Asl ha assunto la gestione della struttura. Sono arrivati oss e infermieri, oltre ad alcuni medici.
Ma alcuni parenti, in diretta nell’anteprima di TRNews, hanno lanciato due nuove richieste. La figlia di una paziente positiva ha chiesto il trasferimento della madre in ospedale; il parente di un altro ospite lamentava la mancata somministrazione di farmaci.

Il sindaco Graziano Vantaggiato, in diretta nel corso del tg, ha preso l’impegno di verificare queste situazioni e, nel pomeriggio, ha detto di aver parlato con il dott. Esposito, attualmente responsabile della struttura per conto della Asl, che gli ha garantito che tutti i pazienti stanno ricevendo le cure.

Articoli correlati

Lecce 2050: in un corto i grandi temi per progettare una città euro-mediterranea

Erica Fiore

Assistenza sanitaria estiva, rete potenziata: 20 postazioni e 6 ambulanze

Erica Fiore

Una rete per contrastare le povertà educative, l’evento finale a Le Costantine

Barbara Magnani

Morandi e Fiorello in giro per il Salento

Elisabetta Paladini

A Don Antonio Coluccia il premio Ipogeo 2024

Redazione

A Casarano l’abbraccio a difesa del “Ferrari”

Isabel Tramacere