Attualità

“Acquistate e mangiate locale”: tam tam a sostegno dei contadini salentini

LECCE- Salento Doc ha precorso i tempi, sia quelli di questa emergenza che è in primis sanitaria ma anche economica, sia quelli della sensibilizzazione più generale, visto che  quella campagna di comunicazione e di sensibilizzazione è stata promossa già nel 1996 dall’editore di Telerama Paolo Pagliaro. Proprio il 5 marzo scorso, Salento Doc è stata rilanciata con un nuovo spot televisivo, per veicolare un messaggio forte e chiaro ai consumatori: acquistare prodotti e servizi italiani con un occhio di riguardo a quelli salentini perché tutti facciano la propria parte nel rilanciare e tutelare il Made in Italy e il Made in Salento.

A sostegno della piccola economia agricola locale, che, nonostante gli sforzi, rischia di non reggere l’urto della crisi economica che il Coronavirus ha in pancia, SalentoKm0 ha promosso la campagna per l’acquisto di cibo locale #iocomprolocale #iomangiolocale per sostenere l’agricoltura contadina e il Salento rurale.

“In questi giorni – spiegano i promotori – molte persone stanno prendendo d’assalto i supermercati, accecate dalla comprensibile paura di non poter accedere a beni di prima necessità, mentre sarebbe auspicabile interrogarsi meglio su ciò che veramente è la fonte del nostro sostentamento e come arriva sulle nostre tavole. Molti, moltissimi contadini sono alle prese con uno dei momenti più impegnativi dell’anno: quello delle preparazioni del terreno per la produzione estiva e delle semine. L’agricoltura salentina sta attraversando un momento difficile: non soffre solo per la diffusione del Covid-19, soffre anche una delle stagioni più torride degli ultimi decenni, una siccità prolungata che sembra non avere fine. Soffre dei cambiamenti climatici, senza contare gli agriturismi, che fanno i conti con centinaia di disdette, alle porte di una stagione estiva che si preannuncia disastrosa. Ecco perché ora più che mai è importante essere solidali con il nostro territorio, sostenerlo, permettergli di non mollare”.

Il sito dell’associazione www.salentokm0.com raccoglie decine di piccoli produttori, botteghe, Gruppi di Acquisto Solidale, associazioni diffusi in tutta la provincia di Lecce e a cui rivolgersi per la spesa quotidiana, agevolata in questo periodo  da consegne a domicilio.

L’appello dei produttori è a “smettere di far la fila davanti ai supermercati, che rappresentano anch’essi la fragilità di un sistema sbagliato, distorto, insostenibile” e a rivolgersi ai contadini salentini per un “cibo scelto con cura, sano, organico, che rinforzi il nostro corpo, che crei comunità, che dia forza e sostegno all’economia locale”.

 

Articoli correlati

Piano Urbano della Mobilità, il Codacons: “Pronti ad offrire il nostro contributo al sindaco”

Sergio Costa

Chiusura punto nascita, monta la protesta

Paolo Franza

In Puglia i mercati finanziari incrementano il divario tra ricchi e poveri

Mario Vecchio

Stabilimenti, per la corte UE le opere inamovibili diventano proprietà dello Stato

Redazione

Festival Valle d’Itria, 50 anni di grande musica. A Martina Franca dal 17 luglio al 6 agosto

Mariella Vitucci

Contact center: “L’intelligenza artificiale è una sfida da raccogliere”

Antonio Greco