Salvemini: “Garantiremo che le misure vengano rispettate”

LECCE – Il sindaco di Lecce Carlo Salvemini all’indomani del nuovo decreto e alla nuova ordinanza della Regione Puglia sulle misure di contenimento del contagio, informa i cittadini sulle novità che interessano il territorio e sull’impegno del Comune, “con le sue risorse umane, con gli agenti della Polizia Locale, con gli operatori della Protezione Civile, a garantire e assicurare che le misure individuate come fondamentali per il contenimento del contagio vengano osservate”.

“Come si vede – dichiara c’è una differenza nel decreto tra attività di pub (sospesa) e quella di bar e ristoranti (consentita a condizione del rispetto della distanza interpersonale). Dall’interlocuzione avuta da ANCI con Protezione Civile si è chiarito che anche ai primi è consentita l’apertura purché venga fatta rispettare dal gestore la distanza minima di un metro all’interno del locale.

Sempre nella notte il Presidente Emiliano ha firmato una nuova ordinanza che fa obbligo per quanti arrivano in Puglia dalla Lombardia e dalle province indicate nell’ultimo DPCM di osservare la quarantena obbligatoria fiduciaria per 14 giorni, con comunicazione preventiva al medico di famiglia o all’operatore di sanità pubblica territorialmente competente.

Ciò allo scopo di chiudere possibili catene di contagio. È un provvedimento che viene assunto a tutela della salute pubblica e che suggerisce il massimo della prudenza a quanti rientrano in regione provenienti da aree che il governo individua come a rischio.

Ricordo che non c’è nessun provvedimento al momento che impone il divieto della libera circolazione dei cittadini – salvo eccezioni individuate – che può essere disposto esclusivamente dal Governo Nazionale. Vale quindi l’appello già lanciato da giorni: fiducia nelle istituzioni, fiducia tra i cittadini; consapevolezza e responsabilità individuale e collettiva.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*