Il maltempo torna a fare paura

SALENTO – Nubifragi, ancora, nel Salento. Dall’alba soprattutto la provincia di Lecce è stata sferzata da acquazzoni ma anche quelle di Brindisi e Taranto da violenti raffiche di vento. Dopo i pesanti danni della mareggiata di metà novembre, per riparare ai quali è in corso la campagna di raccolta fondi lanciata da Telerama #unamanoperilSalento, sono soprattutto le campagne a vivere i maggiori disagi ora: la brusca ondata di maltempo, infatti, è arrivata mentre sono già in fiore diverse colture, come i peri, a causa di temperature bollenti, superiori di 1,39 gradi rispetto alla media stagionale, tanto da rendere questo il quarto autunno più caldo dal 1800 secondo ISAC CNR.

A farne le spese molti agricoltori, che proprio in queste settimane sono intenti nella raccolta di broccoli, cavoli, sedano, prezzemolo, finocchi, cicorie, bietole, tutti maturati contemporaneamente per le temperature primaverili.

Come fa sapere Coldiretti, choc termici, nubifragi e trombe d’aria hanno già allagato le campagne, strappato gli alberi, inondato di fango campi e strade rurali, fatto crollare a terra le olive, danneggiato ortaggi e verdure in campo, con un bilancio gravissimo nelle aree rurali, dove gli agricoltori hanno già subito  53 eventi estremi che si sono abbattuti in Puglia dal 1° agosto ad oggi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*