Lecce Arredo chiude con un boom di presenze: grande successo

LECCE – Si chiude con un bilancio più che positivo la 29esima edizione di LecceArredo, il Salone Nazionale dell’Arredamento promosso dalla EmmePlus di Maurizio e Mauro Nardelli presso LecceFiere in due weekend distinti per dare ancora maggiore visibilità alle aziende e un’ulteriore possibilità di visitare gli spazi agli interessati. Appena conclusa, la manifestazione ha già registrato il 90% delle conferme degli espositori presenti per il prossimo anno, il 30esimo per la grande fiera che si pone come punto di riferimento nel settore e vetrina prestigiosa per le aziende.

Sono state oltre 150 le aziende espositrici quest’anno con tanti eventi interni alla fiera e la prima edizione di Salento Cucine, uno spazio dedicato interamente al mondo cucina che il prossimo anno, in primavera, sarà esportato anche in Albania, aprendo a nuovi mercati.

Mentre LecceFiere si sta svuotando pian, piano dei meravigliosi stand installati dalle aziende, la EmmePlus sta già pensando alla cifra tonda del prossimo anno: a partire da gennaio, infatti, si rimetterà in moto la macchina organizzativa per quella che sicuramente sarà una grande festa in un anniversario importante con tante sorprese e novità.

Orgoglioso della riuscita della manifestazione il patron Maurizio Nardelli: “Anche quest’anno abbiamo superato le aspettative in fatto di presenze e aziende che hanno esposto, oltre 150, e siamo già proiettati verso l’organizzazione della prossima edizione di LecceArredo che coincide con un grande anniversario, il 30esimo dal nostro inizio. Abbiamo puntato e continueremo a puntare sulla qualità e l’innovazione presentando ai visitatori solo il meglio dell’arredamento e del design dando anche molto spazio all’arte e all’artigianato locali. Quest’anno abbiamo voluto dare il doppio dei giorni di esposizione ai visitatori che ci hanno ripagato dello sforzo affollando LecceFiere e prendendo contatti con i nostri espositori i quali hanno già riconfermato la loro presenza per il prossimo anno rendendoci particolarmente orgogliosi del nostro lavoro”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*