Zingaretti a Taranto, risponde ma va via

TARANTO – Sulla sussistenza dei margini per riaprire il tavolo della trattativa con Arcelor Mittal, Zingaretti non si sbilancia.

Il segretario del Pd nel primo pomeriggio ha fatto tappa a Taranto, dove ha incontrato il sindaco Rinaldo Melucci e il Presidente della Regione Michele Emiliano presso la sede del Comune in Piazza Castello. Tema sul tavolo: le prossime mosse che Palazzo Chigi intende intraprendere per il futuro dell’ex Ilva dopo il recesso di Arcelor.

“Il governo – ha detto Zingaretti – sta lavorando su una ipotesi che riguarda l’Ilva. Una proposta di sviluppo che investa i tanti capitoli di una città ferita: la sanità, l’occupazione, l’economia. È compito dello Stato investire su Taranto”.

Quello delle scorse ore è il primo di una serie di incontri che il Partito Democatico ha annunciato di voler avviare, partendo dalle istituzioni locali, per poi passare ai cittadini, gli operai, le associazioni, il vescovo, la comunità. “Io credo che sia giusto ascoltare e poi, come partito politico, riportare la voce della comunità e chiedere anche su questo una presenza dello Stato” ha concluso Zingaretti. Poi alla domanda incalzante, in riferimento alle responsabilità del partito democratico in merito al percorso avviato con Arcelor, il segretario abbandona la stampa e va via.

Intanto lunedì prossimo è stata convocata in Regione la task force che si occuperà del nodo occupazionale. Obiettivo: partorire una richiesta organica da avanzare al Governo centrale sul fronte emergenza ambientale e lavorativa insieme.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*