Cronaca

Tentata violenza privata per costringere a confessare una tangente: condannati due pm

LECCE – Due pm della Procura di Trani sono stati condannati da un magistrato del Tribunale di Lecce perchè avrebbero usato violenza privata per tentare di convincere due imprenditori a confessare di aver versato una tangente.

I fatti contestati risalgono al 2015. I titolari di Italtraff, azienda di Manduria che si occupa di installazione di photored e che aveva vinto l’appalto a Trani, sarebbero stati indotti, “con modalità intimidatorie e violenze verbali”, ad autoaccusarsi e ad accusare altre persone, di rapporti illeciti con l’ex comandante della Polizia municipale di Trani, in relazione agli appalti per l’installazione dei photored.

La giudice Sermarini ha accolto le conclusioni dell’indagine istruita dal procuratore Leone de Castris e dalla pm Roberta Licci e ha condannato Michele Ruggiero a un anno e Alessandro Donato Pesce a otto mesi, entrambi per concorso in tentata violenza privata.

Articoli correlati

Colpito dal tronco di un albero muore un operaio dell’Arif mentre spegne un rogo

Redazione

Schianto fatale, muore una donna di 80 anni

Redazione

Malore in piscina, 13enne muore dopo 8 giorni di coma

Redazione

Uragano ai Caraibi, morto un operaio salentino

Isabel Tramacere

Salvataggio in extremis a Nardò. La richiesta: “Serve primo intervento h24”

Paolo Franza

Dopo la rissa nel centro storico scatta la chiusura per 15 giorni di un locale

Redazione