Agricoltori in ginocchio: abbattuti ulivi, serre e colture

SALENTO- Un’ondata di maltempo trasformatasi in un incubo anche e soprattutto per gli agricoltori. Non ci sono solo i danni della mareggiata lungo la costa, perché i violenti temporali che si sono abbattuti martedì hanno provocato enormi disagi su tutto il territorio. Il Salento è alle prese con la conta dei danni, ancora agli inizi ma già di proporzioni notevoli. Alle strutture danneggiate nelle prime ore dei nubifragi, come il palazzetto dello sport prossimo all’inaugurazione a Spongano o la palestra dell’istituto Salvemini di Alessano, si aggiungono i tanti muri, alberi e pali divelti. Ma soprattutto i problemi causati nelle campagne, rese un inferno da acqua e vento forte.

Decine gli alberi abbattuti. Ci sono ulivi secolari (vedi foto sopra) strappati letteralmente dal vento nel Brindisino e ci sono, nel Leccese, a Ugento, i giovani impianti di Favolosa e Leccino, messi a dimora nei mesi scorsi per sostituire le piante colpite da disseccamento rapido, anche questi tirati giù. Serre, tendoni e impianti fotovoltaici sono stati abbattuti, muretti e strutture di diverso tipo demoliti. Diversi canali sono esondati e i campi si sono completamente impantanati.

La produzione di ortaggi invernali, dunque, è stata fiaccata, mentre le olive che dovevano essere ancora raccolte sono state le vittime sacrificali per eccellenza. Molti gli ulivi monumentali di notevoli dimensioni finiti a terra, specie a Fasano, Francavilla Fontana, Mesagne, Ceglie Messapica. “Con una mappatura completa – dicono da Coldiretti – chiederemo all’Assessorato regionale all’Agricoltura di attivare le procedure per l’accertamento del danno di inusitata gravità e richiedere lo stato di calamità naturale, sburocratizzando il più possibile le procedure per ristorare tempestivamente gli agricoltori”.

Dal 1° agosto ad oggi, fa sapere l’associazione di categoria, in tutta la Puglia si sono verificati ben 36 eventi estremi, nel dettaglio 16 nubifragi a Monte Sant’Angelo, San Severo e a Foggia, a Toritto, Ruvo di Puglia e a Gravina in Puglia, a Martina Franca, a Francavilla Fontana e Villa Castelli, a Leverano, Lizzanello, 2 a Nardò, Galatina, Casarano e Ruffano, 2 trombe d’aria a Ruvo di Puglia e a Nardò, 8 tornado di cui 1 a Galatina, 2 a Castrignano del Capo e 2, a Porto Cesareo, Melendugno, Otranto e Lizzano e 10 grandinate a Martina Franca, Castellaneta, Palagianello, Manduria, Melendugno, Bitritto, Binetto, Palo del Colle, Grumo Appula e Bari, a cui vanno ad aggiungersi i fenomeni che si stanno registrando in queste ore, conclude Coldiretti Puglia, sulla base della Banca dati europea sugli eventi estremi ESWD.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*