Affidamenti che trascurano il territorio? A Zollino l’opposizione chiede chiarezza

ZOLLINO – Un incontro pubblico e un invito alla trasparenza, un confronto anche con i cittadini. Lo chiedono i consiglieri comunali d’opposizione a Zollino Paolo Pellegino, Ferente e Catalano, riuniti nel gruppo “PAME! ZOLLINO”. Oggetto dell’incontro quello che l’opposizione definisce un “impoverimento” del territorio e del tessuto economico del piccolo comune della Grecìa Salentina, e un modo di agire da parte dell’amministrazione di Edoardo Calò, in carica dallo scorso maggio, ben diversa da quella prospettata in campagna elettorale.

Ad essere contestato ad esempio è il metodo utilizzato per l’individuazione dei contraenti per l’affidamento di alcune commesse di beni e servizi: quelli cimiteriali e lo scuolabus ad esempio, affidati da sempre ad una coperativa del posto, ora spostati invece su una di Sternatia.“I cittadini di Zollino meritano più rispetto- dicono i consiglieri d’opposizione- perché affidare ad altri esperienze e competenze già acquisite? Lo stesso vale per l’affidamento del servizio libri scolastici per il quale ci si è rivolti ad una libreria di Lecce quando ne esiste una sul posto”.

“Si tratta di polemiche strumentali- risponde il primo cittadino– gli incarichi vengono affidati sulla base di determine dei dirigenti del settore. La cooperativa di Sternatia ha assorbito tutti i lavoratori che già lavoravano a Zollino e ne ha aggiunti altri. Per quanto riguarda i libri abbiamo inviato una lettera a tutte le librerie per il servizio e non ci risulta che nessuna di Zollino abbia risposto. In ogni caso- conclude Calò– sono pronto al confronto pubblico e ad una discussione aperta nelle sedi opportune, ovvero il consiglio comunale”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*