Case popolari e abusivismo, criticità al vaglio. Piano sgomberi: si inizia dagli alloggi “vuoti”

LECCE – A porte chiuse, in mattinata, si è tenuto un nuovo incontro in Prefettura: perchè parlare di sgomberi a cuor leggero di tutti gli alloggi popolari occupati abusivamente è impossibile. Sono, di fatto, tante le situazioni critiche e per le quali non si può e non si intende procedere in modo coercitivo, lasciando in strada anziani, disabili, minori o persone che hanno perso il lavoro. È su questo che la Prefettura leccese ha incentrato l’incontro che si è tenuto nelle scorse ore, insieme a tutti gli enti coinvolti nella questione.

Le occupazioni abusive dei soli immobili ArcaSud a Lecce città ammontano a 56 su 728 totali in tutta la provincia. Senza contare le decadenze inevase, ossia tutte quelle abitazioni attualmente occupate da soggetti che non ne hanno più diritto, avendo perso negli anni i requisiti necessari: a Lecce sono circa 50, su 323 totali in tutta la provincia. Numeri da capogiro e sui quali adesso si intende intervenire.

Quello che il Comune di Lecce, dal canto suo, si sta impegnando a fare si riassume in due parole: informazione e affiancamento. Quotidianamente bussano alle porte di Palazzo Carafa decine di persone allarmate dalla stretta sulle occupazioni degli alloggi non in regola. A loro, con il supporto dei servizi sociali, si spiega come procedere per l’inserimento in graduatoria e di quali misure assistenziali, regionali o nazionali, potrebbero godere avanzando opportuna richiesta.

Intanto, a partire dalla prossima settimana, si darà seguito alla tabella di marcia stilata per gli sgomberi. Stando a quanto trapelato, si inizierà dagli immobili di fatto vuoti. Abitazioni ormai appartenenti a detenuti e, di fatto, adibite a deposito dei loro effetti personali e mai sgomberate. Si interverrà anche negli alloggi dove, oltre alla mobilia, qualcuno ha furbescamente parcheggiato animali domestici: un modo per procastinare lo sfratto e che, negli anni, ha funzionato. O almeno fino ad ora.

E.Fio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*