Palazzo Comi, la Provincia si impegna: “Progetto entro fine settembre”

LUCUGNANO- L’impegno ufficiale della Provincia è che “entro fine settembre” si presenterà alla Soprintendenza un progetto complessivo di valorizzazione e fruizione di Palazzo Comi di Lucugnano. E’ la svolta annunciata dopo gli anni di tira e molla e contrapposizione tra i cittadini del posto e l’ente, che alla fine, in epoca Gabellone, ha dovuto fare marcia indietro e stralciare il bando che ne prevedeva la privatizzazione di fatto per trent’anni.

In mattianata, i consiglieri provinciali Ippazio Morciano (Patrimonio) e Dina Manti (Politiche culturali e turistiche), accompagnati dalla vicepresidente della Provincia Federica Esposito e dal consigliere delegato al Bilancio Nunzio Dell’Abate, hanno incontrato lì Michele Turco dell’Associazione Tina Lambrini – Casa Comi, l’assessore Nicola Peluso e il consigliere Luigi Giannini del Comune di Tricase, Maurizio Giaccari della Trattoria Jolanda. L’incontro era stato convocato dal presidente Stefano Minerva per discutere dei problemi di gestione e manutenzione dell’immobile. Alla riunione hanno partecipato anche il direttore generale della Provincia di Lecce Giovanni Refolo, il dirigente del Servizio Edilizia e Patrimonio Dario Corsini, i componenti dello Staff del Presidente Andrea Romano e Andrea Ciardo.

“Vogliamo giungere – dice Morciano – ad una soluzione finale che veda le istituzioni e i cittadini concorrere alla gestione di un bene comune per renderlo fruibile e riconsegnarlo alla collettività. E dobbiamo farlo nel più breve tempo possibile, senza compromettere la destinazione d’uso attuale dell’immobile. Ecco perché, nei prossimi giorni, la Provincia di Lecce incontrerà Regione Puglia e Comune di Tricase per definire i dettagli di quello che sarà il programma di valorizzazione”. Sottolinea Dina Manti: “Abbiamo l’obiettivo ambizioso di ridare vita ai luoghi della Provincia di Lecce.  Palazzo Comi, che grazie a Girolamo Comi è stata la casa di letterati e poeti provenienti da ogni dove, tornerà ad essere la casa comune dei cittadini e della cultura. Con il coinvolgimento di Regione Puglia e di tutti gli attori istituzionali e non, riusciremo a dare respiro internazionale alla vocazione culturale e turistica della nostra terra”. “E questa di Palazzo Comi è solo la prima tappa del percorso di valorizzazione del patrimonio della Provincia di Lecce. Si procederà allo stesso modo anche per gli altri immobili, come ad esempio per Cnos”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*