Attualità

Frisa gourmet a 16 euro? Impazza la polemica sotto l’ombrellone

LECCE- Una frisa gourmet con stracciatella e tartare di gamberi e pinoli, servita sotto all’ombrellone al costo di 16 euro, fa scatenare la nuova bagarre sul caro-vacanze estive di quest’anno. 16 euro sono troppi o sono il prezzo giusto, dopo aver pagato 30 euro per due lettini e ombrellone?

La polemica impazza soprattutto sui social, dopo la denuncia di Sergio Valentini, già presidente dell’Associazione commercianti di Piazza Sant’Oronzo a Lecce, cliente, nei giorni scorsi, di un lido a Torre Lapillo. Un lido “vip”, come lo definisce lui stesso. La lamentela è per aver consumato due frise “salate”, non per l’eccesso di condimento, ma per il prezzo dovuto: 32 euro (16 euro a frisa, appunto). Da aggiungere 12 euro per due birre, servite però sempre sul lettino in spiaggia in un boule di ghiaccio. Totale 44 euro. Esagerato? Per Valentini decisamente sì, “l’anno prossimo – ha chiosato – anziché un mese faremo 2 mesi in Montenegro. Almeno i soldi sono ben spesi”.

A puntualizzare, però, i costi del servizio sono il titolare e lo staff del lido, il Togo Bay, a Porto Cesareo: “Partiamo dal presupposto che una frisa di grano pugliese, con lievito madre, pomodori, olio, rucola e capperi (tutti prodotti di qualità e a Km0), servita in un piatto in foglia di palma biodegradabile, costa solo 5 euro. La frisa che ha preso  è la più costosa del menù, fatta con grano Senatore Cappelli, stracciatella, tartare di gamberi e pinoli, al costo di 14 euro. La sua costava 16 euro, perché anziché alzarsi dal suo comodo lettino, fare la fila per ordinare, aspettare la preparazione, trovare un posto per sedersi e mangiare e ritornare sul suo comodo lettino, ha preferito ordinare direttamente e comodamente presso la sua postazione, alla cifra ridicola di soli 2 euro in più. Stessa cosa per la birra, pagata 6 euro anziché 4.50, ma servita sempre al suo comodo lettino, in una boule con ghiaccio, quindi soli 1.50 in più”.

C’è poi l’altra questione sollevata: come denunciato sempre da Valentini, la figlia e la sua amichetta sarebbero state rimproverate perché mangiavano un panino portato da casa. “Si chiarisce – dice il titolare Ilario D’amato – che il personale del servizio spiaggia (e non addetti alla sicurezza) non ha assolutamente ripreso i bambini, ma la madre che aveva una taglia di focacce, mentre i bambini hanno continuato a pranzare con i loro panini”. Il lido riporta all’ingresso un regolamento in cui si spiega che non è consentito introdurre del cibo portato dall’esterno. Ma su questo va fatto un chiarimento, più volte reso noto anche dalla Capitaneria di Porto: si tratta di un divieto illegittimo, perché la concessione di una porzione di demanio pubblico, in questo caso la spiaggia, non autorizza in alcun modo il gestore a imporre divieti e regole che limitino la libertà della persona.

Articoli correlati

Salomone: turismo a gonfie vele e volano le Terme

Redazione

È azzurro il primo fiocco salentino del 2022, anzi sono tre!

Redazione

Covid, contagi soprattutto nei comuni costieri. Puglia quinta in Italia per incremento dei casi

Redazione

Santa Cesarea Terme, parte del Mammoccione potrebbe diventare casa di comunità

Redazione

ACT Blade – A Brindisi un altro investimento che rischia di saltare…

Redazione

“9 Seconds”, la start up per vincere la dipendenza da smartphon

Redazione