Lecce, nuovi tentativi per Farias

Diego Farias, 29 anni, attaccante del Cagliari
Ottica Salomi

LECCE – (di Tonio De Giorgi) In una fase del mercato che fa registrare una calma quasi piatta il Lecce continua comunque a tessere contatti con diverse società per completare il proprio organico. Nella conferenza stampa di lunedì il presidente del club giallorosso Saverio Sticchi Damiani ha detto: “Non siamo affatto fermi, continuiamo pure a seguire nomi che sembravano tramontati”. E uno di questi potrebbe essere quello di Diego Farias, 29 anni, attaccante del Cagliari. Il brasiliano è tornato alla società rossoblù dopo la positiva esperienza di Empoli, ma la percentuale che possa rimanere in Sardegna è molto bassa. Per questo motivo il Lecce è tornato alla carica e sta cercando un accordo con il club sardo. Per il cartellino del brasiliano avrebbe chiesto 7 milioni di euro, cifra che la società giallorossa non intende investire, ma non è escluso che tra le parti si possa giungere presto ad un accordo. Farias sarebbe impiegato da seconda punta, ma pure da trequartista, nella stessa posizione di Mancosu che, intanto, è rientrato in sede. Il capitano ha saltato la prima parte di preparazione a causa di un problema ad un polpaccio e al ginocchio sinistro, ma adesso dovrebbe rimettersi pian piano al passo dei compagni di squadra. È sempre caccia aperta per un attaccante. Dodici mesi fa il direttore sportivo Meluso era sulle tracce di Andrea La Mantia. Il centravanti laziale era tra un ventaglio di scelte e alla fine il dirigente giallorosso concentrò le sue attenzioni sul giocatore della Virtus Entella. Una trattativa lunga, ma che si concluse con l’approdo in giallorosso di La Mantia e la cessione di Caturano ai liguri, che avevano l’obbligo di riscatto in seguito alla promozione in Serie B. Oggi a La Mantia, capocannoniere lo scorso anno con 17 gol, deve essere affiancato un giocatore di una certa esperienza, che conosca la Serie A o che abbia comunque un profilo medio alto. La società del presidente Sticchi Damiani non vuole sbagliare il colpo e valuta bene quale possa essere l’identikit ideale per completare il reparto offensivo. Il direttore sportivo Meluso aveva scelto Burak Yilmaz, ma strapparlo al Besiktas si è rivelato subito un compito difficile a causa delle resistenze della società turca forte pure del contratto con il calciatore. Non sono bastate le difficoltà finanziarie del club turco per cedere il suo giocatore più rappresentativo. Così, pur continuando a coltivare la speranza di poterlo portare in giallorosso, Meluso ha spostato le sue attenzioni su altri giocatori. Tra questi Babacar, 26 anni, attaccante del Sassuolo. La società emiliana ha dettato le sue condizioni, ma il nodo potrebbe essere l’obbligo di riscatto fissato a cifre che il club giallorosso ritiene alto per un giocatore che in fin dei conti non è mai sbocciato del tutto nel campionato italiano. La trattativa è legata pure agli arrivi dei difensori Goldaniga e Dall’Orco. E pure il giocatore pare abbia chiesto qualche giorno per riflettere e valutare magari le offerte che giungono dall’estero. Intanto è spuntato il nome dell’attaccante greco Mitroglu in forza al Galatasaray, ma di proprietà del Marsiglia. Mitroglu ha 31 anni, tre in meno di Yilmaz e qualcuno in più di Babacar. La scelta migliore per la società sarebbe quella di puntare su un giocatore di proprietà e che abbia già  maturato una certa esperienza piuttosto che su scelte di secondo piano che comportano operazioni economiche non proprio vantaggiose per la società leccese.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*