Yilmaz, Lapadula e non solo: il lavoro silente di Meluso

Mauro Meluso, direttore sportivo del Lecce
Ottica Salomi

LECCE (di M.C.) – Il Lecce vuole Yilmaz e il calciatore vuole il Lecce. La trattativa è viva. Il Besiktas per lasciare partire il suo attaccante ha bisogno di rimpiazzarlo e sta lavorando per farlo. Meluso non molla la presa e attende; ci sono buone possibilità che tutto finisca nel migliore dei modi.
Il discorso attacco, però, è vasto e il diesse calabrese sta lavorando col Genoa per avere Lapadula, trattativa a buon punto che potrebbe chiudersi in tempi brevi. Interessano inoltre Farias del Cagliari e Ciano del Frosinone; dovrebbero essere due o tre gli attaccanti nuovi alla corte di Liverani.

La Covisoc, che ha dato parere positivo per l’iscrizione del Lecce in serie A, ha escluso il Palermo dalla serie B per delle anomalie nella fideiussione; la società siciliana ha tempo fino al 12 luglio per presentare ricorso ma dovrebbe ripartire dalla serie D. E quindi c’è lo sciogliete le righe per tutti i calciatori ed il Lecce ha già bloccato, con un quadriennale in mano, Lo Faso e Gallo, trequartista classe ’98 il primo e terzino classe 2000 il secondo, due investimenti in chiave futura.

Infine, per sistemare la difesa, si cerca un centrale di esperienza. Col Genoa non si parla solo del bomber Lapadula ma anche di Rossettini ed entrambi potrebbero arrivare a Lecce in tempi molto brevi; inoltre  è vivo l’interesse anche per Silvestre, piace Magnani del Sassuolo e si allontana Tonelli a causa delle esorbitanti richieste del Napoli.

Ovviamente il mercato cambia di ora in ora e non è da escludere qualche colpo a sorpresa che Meluso tiene ben nascosto dalle luci della ribalta.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*