Eolico, la finanza torna in Regione: al setaccio le autorizzazioni

randstad 1

BARI – La Guardia di Finanza torna a bussare negli uffici della Regione Puglia. Questa volta l’acquisizione di documenti è avvenuta in corso Sonnino, nelle stanze dell’assessorato allo Sviluppo Economico per puntare l’obiettivo sulle autorizzazioni concesse agli impianti eolici.

Ciò che per il momento si sa è che l’inchiesta non sarebbe collegata a quella che, due mesi fa, ha coinvolto il governatore Michele Emiliano e il capo di Gabinetto Claudio Stefanazzi.

Sono pochissime per ora le notizie trapelate.

Oggi la finanza ha puntato i fari sulle autorizzazioni concesse a società operanti in Puglia e su quelle che avrebbero sede legale nel Trentino. Questo aspetto, in particolare, pare essere oggetto di inchiesta in tutta Italia visto che, recenti inchieste giornalistiche nazionali, hanno evidenziato come nel Trentino negli ultimi tempi hanno spostato la sede legale qualcosa come 3mila società operanti nel settore. L’obiettivo è ottenere sgravi fiscali ma, in assenza di impianti e personale, questa operazione non sarebbe consentita.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*