“Prime Terre”: la filiera controllata e certificata si presenta al Salento

LECCE- Il Gruppo Casillo di Corato, azienda leader nella produzione di cereali, farine e semole in Puglia è pronta ad investire nel Salento, partendo direttamente dalla terra.I cerali possono essere una valida alternativa dopo la Xylella. E poi il Salento è ricchissimo di prodotti da forno amati ovunque: frise e pucce. Insomma, un progetto di rilancio dell’agricoltura salentina devastata dal diffondersi del batterio Xylella fastidiosa deve necessariamente tener conto dell’implementazione di altre coltivazioni che possano sostituire l’olivicoltura. La produzione di grano duro o tenero può certamente contribuire a questa rinascita, se inserita in un progetto di filiera che possa garantire un equo reddito a tutti i soggetti partecipanti. Il Gruppo Casillo, leader mondiale nel settore della commercializzazione di farine e semole, intende contribuire a questo rilancio supportando progetti di filiera che possano valorizzare il grano salentino tracciandolo sia per la pastificazione che ancor di più per la panificazione.

“Prime Terre” il nome del progetto di farine e semole da filiera regionale controllata e certificata, presentato presso l’Hotel Hilton Garden Inn di Lecce con produttori e tecnici del settore tra cui il consigliere di amministrazione del Gruppo, Beniamino Casillo e l’agronomo Giuseppe Ferro, Accademico dei Georgofili. Un valore aggiunto per quanti hanno a cuore la valorizzazione delle produzioni locali.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*