Lecce nessun dramma, il destino è nelle tue mani

Padova-Lecce 2-1 (foto P.Pinto)

LECCE (di M.C.) – Il calcio è imprevedibile e non c’è mai nulla di scontato e tutto cambia in un fazzoletto di minuti che vola via con i minuti che passano.
Quello che è accaduto al Lecce a Padova, a miss Lecce, la più bella della serie B, l’avevamo definita così per la qualità del gioco espresso, è lo specchio d’uno sport che non finirà mai di stupire e regalare emozioni.
Alla squadra di Liverani dopo il pareggio interno del Palermo con lo Spezia bastava solo una vittoria contro l’ultima della classe per festeggiare la promozione in A, un vero e proprio match point, un testacoda vero e proprio ma il Lecce sbanda paurosamente e va a sbattere contro le proprie paure, le proprie incertezze, e contro una stanchezza fisica e mentale che nessuno aveva preventivato.
E il bello del calcio è che l’autore dello choc giallorosso è un ragazzo senegalese di 22 anni che corre alla velocità della luce, salta gli avversari come birilli, spacca il campo in due, segna il primo gol dopo 3 minuti e propizia il corner del raddoppio di Cappelletti; si chiama Yves Baraye ed è di proprietà del Parma e sicuramente sarà sul taccuino di diversi operatori di mercato.
Ovviamente nel Lecce ci sono da segnalare le importanti assenze di Calderoni e Tachtsidis e proprio sulla fascia sinistra e in mezzo al campo la squadra di Liverani ha sofferto terribilmente ed è lì che ha perso la partita contro una squadra che aveva più fame e voglia di rimanere ancorata alla speranza di poter restare in serie B.
Bisogna archiviare tutto e subito; al termine della partita, che il Lecce ha completamente sbagliato, ai calciatori giallorossi sono stanti concessi due giorni di riposo da trascorrere in famiglia, per staccare la spina, per ricaricare le batterie, per voltare pagina. Poi da sabato 4 maggio alle ore 16 riprenderanno gli allenamenti in vista dell’ultima giornata di campionato che giocheranno in casa al Via del Mare l’11 maggio contro lo Spezia, nel prossimo turno riposano e poi il sipario si alzerà sulla gara dell’anno, anche se la promozione potrebbe arrivare con una sconfitta del Palermo ad Ascoli proprio sabato pomeriggio 4 maggio quando il Lecce riprenderà il suo cammino al netto di tutto però una cosa è certa la squadra di Liverani ha il destino nelle proprie mani.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*