Ex Ilva, il sindaco lancia un ultimatum ad Arpa e Asl: “Non escludo la chiusura”

TARANTO – Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, lancia un ultimatum ad Arpa e Asl e chiede “entro le ore 12 dell’8 aprile risposte chiare e definitive sul livello delle emissioni dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal (ex Ilva) e sui rischi per la salute pubblica”, non escludendo il ricorso a “un’ordinanza contingibile e urgente di chiusura degli impianti inquinanti del siderurgico, in base al principio di precauzione”. In una lettera a Ispra, Arpa Puglia, Istituto Superiore di Sanità e Asl di Taranto, il sindaco evidenzia che “se è vero ciò che hanno asserito i vertici di Asl Taranto, cioè che non si possano escludere rischi rilevanti per la salute dei cittadini, e che addirittura ci si ammali più che altrove e più che in passato, il Comune di Taranto adotterà in tempi assai brevi provvedimenti, costruiti sul principio di massima precauzione, in difesa della salute dei propri cittadini e avverso una filiera produttiva ormai desueta ed intollerabile”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*