L’auto per Ersilia c’è!

SALVE – In 20 giorni, con la forza di tutti, con una valanga d’amore, l’obiettivo può dirsi raggiunto: Ersilia avrà la sua automobile attrezzata. Con la cifra di 17.940, si è completata la raccolta fondi che si può stoppare qui.

Un traguardo incredibile, tagliato in tempi record: la campagna #unautoperersilia è stata lanciata il primo febbraio dall’editore di TeleRama Paolo Pagliaro, insieme al sindaco di Salve Francesco Villanova. Mettendo temporaneamente ed eccezionalmente a disposizione della causa l’iban e il conto corrente di CuoreAmico onlus, i salentini hanno potuto versare qualunque cifra fosse nella disponibilità di ognuno, anche pochi spiccioli, per aggiungere un mattoncino alla volta nella costruzione di un sogno di libertà. Libertà per questa ragazza di poter tornare nel mondo, avendo a diposizione un’auto attrezzata al trasporto comodo della sedia a rotelle elettrica.

20 giorni fa abbiamo presentato a chi non la conoscesse la famiglia Giudice: padre, madre e sei figli! Una casa accogliente, che è sempre stata un concentrato di urla di gioia e di scaramucce tra fratelli. Fino a che, per usare un’espressione di papà Maurizio, “Un panno nero è caduto su tutta la famiglia”. Era il 26 ottobre del 2017: Ersilia, bella e promettente ventenne, fu coinvolta in un terribile incidente stradale. Viva per miracolo, ha passato più di un anno in ospedale, ma da quando si è svegliata non è più quella di prima e necessita di cure e attenzioni costanti, che in casa non le mancano. È circondata dall’amore dei suoi cari.

L’unico desiderio espresso dai suoi genitori fu proprio l’auto speciale. Da lì è partita la raccolta fondi che ha innescato la gara di solidarietà.

Ancora una volta il Salento ha dimostrato di esserci. I primi a dare l’esempio sono stati proprio Pagliaro e Villanova: CuoreAmico ha donato i primi mille euro, il sindaco di Salve ha coinvolto tutta la comunità e le associazioni. Ed è stato un crescendo. Il sogno di questa famiglia, straordinaria sotto tutti i punti di vista, sta per avverarsi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*