Tari, stop al rincaro con tariffa bloccata. Stea: “Ma servono più discariche pubbliche”

BARI – Accordo trovato, rincaro scampato. Almeno per il momento. Regione, Ager e gestori privati degli impianti di smaltimento dei rifiuti hanno trovato la quadra, nell’incontro tenuto a Bari: sino al 30 luglio 2020 ogni tonnellata conferita in discarica costerà 100 euro e non più 150, come avviene oggi.

Si scongiura, così, il rincaro della Tari paventato nelle scorse ore dai sindaci pugliesi. L’Anci aveva chiesto alla Regione una “assunzione di responsabilità, chiudendo il ciclo dei rifiuti”, evitando nel frattempo l’ennesimo aumento della tassa a carico dei cittadini. Ora, però, ha riflettuto la presidente dell’Ager Fiorenza Pascazio, sono i Comuni a doversi assumere le proprie responsabilità “garantendo il pagamento puntuale delle fatture insistendo – ha detto – sui proventi da differenziata che il Conai deve riconoscere agli enti locali”.

Nell’accordo sono stati inclusi anche i rifiuti agricoli non riciclabili: sarà possibile conferirli, a tariffe di solidarietà, negli impianti privati.

Un tassello in più lo inserisce l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Stea, rivolgendosi ai sindaci: “Voi sapete che abbiamo il problema delle discariche pubbliche perché – ha spiegato – ci sono rivolte dei Comuni ogni qual volta si va a localizzare una nuova discarica. Se si vogliono risparmiare soldi si deve dare la disponibilità a creare discariche pubbliche. Solo così possiamo dimezzare le spese dei rifiuti”.

E la giunta regionale, intanto, nelle scorse ore ha dato il via libera alla costruzione o ampliamento di 30 impianti in tutta la Regione. Per il Salento riguardano quello per lo smaltimento di carta e cartone ad Ugento, l’impianto integrato anaerobico/aerobico di trattamento e recupero di frazione organica di RU da raccolta differenziata a Pulsano, l’impianto di trattamento e recupero di rifiuti da spazzamento stradale a Statte, la costruzione di un impianto di compostaggio a Cavallino e due impianti di compostaggio e trattamento di percolato a Brindisi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*