Fragola in difesa del centrodestra attacca Delli Noci

LECCE – Volano gli stracci tra ex alleati elettorali per 18 mesi assieme al governo della città. Per Delli Noci, ospite lunedì di Telerama,  il centro destra ha staccato la spina per paura che fosse avviata la fase finale del piano urbanistico generale .

Ma per l’ex consigliere comunale di Andare Oltre, Massimo Fragola non sarebbe così. “Salvemini è caduto perché ha fatto “#quak”: era un anatroccolo zoppo, che non ha mai voluto imparare a volare.Per rispetto ai leccesi, il sindaco avrebbe dovuto avere il coraggio di coinvolgere  tutte le componenti di maggioranza e anche l’opposizione su questi temi nevralgici: avrebbe dovuto conquistare la maggioranza in aula e non dimettersi alla prima difficoltà. Inoltre, se fosse vero che gli uffici erano pronti a far partire il Pug, questa non sarebbe altro che la conferma di una mancanza di condivisione assoluta.  Per fare il sindaco non basta chiedere sostegno a chiunque, dalla Lega a Sel, ma occorre essere capace di ascoltare i consiglieri comunali e i cittadini. Il problema di Salvemini, quindi, non è mai stato l’uomo ma il politico, che si è dimostrato incapace di dialogare con la  maggioranza. C’è chi nasce per essere un buon allenatore. L’ex sindaco è stato un #DonChisciotte, che con il suo Sancho Panza ha avuto una immagine visionaria del proprio ego ma non della città”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*