Brindisi, scoperti 159 lavoratori in nero. Denunciati 93 datori

BRINDISI – 189 controlli in tutto e il risultato è allarmante. Le fiamme gialle di Brindisi hanno scoperto ben 159 lavoratori impiegati totalmente “in nero”, oltre a 29 lavoratori la cui posizione è risultata “irregolare”, con la conseguente verbalizzazione di 93 datori di lavoro.

Ben 243 sono, invece, le posizioni lavorative ancora in fase di definizione, per le quali sono necessari ulteriori accertamenti.

Il piano straordinario di interventi finalizzato a prevenire e reprimere il fenomeno del lavoro “nero” ed “irregolare” è stato messo in atto a cavallo tra martedì e mercoledì.

L’attività ispettiva, condotta trasversalmente nei confronti di diversi soggetti economici, precedentemente individuati a seguito di specifiche “analisi di rischio”, non ha mancato di evidenziare situazioni di particolare rilevanza. Uno tra tutti il caso di una ditta operante nel settore della produzione di maglieria e di una società che offriva servizi di volantinaggio. Entrambe sono risultate impiegare tutti i propri lavoratori in “nero” e per questo destinatarie – insieme ad altre 6 aziende – di richiesta del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale da parte dell’Ispettorato del Lavoro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*