Lecce e Salernitana tra campo, dubbi, e mercato

(Foto M. De Virgiliis)

LECCE (di M.C.) – Lecce e Salernitana sono in campo e preparano la sfida che si giocherà all’Arechi sabato alle 18:00 con qualche punto interrogativo che però i tecnici cercano di tenere lontano dai propri ragazzi schermandoli e proteggendoli anche dalle voci del calciomercato.

I campani lavorano al centro sportivo Mary Rosy e mister Gregucci fa i conti con gli acciacchi di Akpa Akpro, Bernardini e Schiavi che si allenano in differenziato, e con le squalifiche, il giudice sportivo ha infatti fermato Di Tacchio e Migliorini.

Fabio Liverani, allenatore del Lecce (foto M. De Virgiliis)

Gli allenamenti dei salentini proseguono nel quartier generale di Martignano, a porte chiuse lontani da occhi indiscreti. Desta una po’ di preoccupazione La Mantia per un problema alla caviglia ma dovrebbe recuperare mentre è rientrato stabilmente in gruppo Venuti che sabato potrà essere della partita; chi non sarà della partita invece è mister Liverani squalificato a seguito dall’allontanamento dal terreno di gioco durante la gara pareggiata in casa col Benevento, alla società giallorossa infine è stata inflitta la multa di 6mila euro per aver “lanciato, propri sostenitori, sul terreno di gioco due petardi, cinque fumogeni e due bottigliette d’acqua”, così  si legge sul comunicato stampa.

Con il mercato in corso fino a sabato potrebbero cambiare tante cose specialmente tra i granata che hanno nel mirino l’obiettivo di rinforzare il centrocampo già per la sfida con il Lecce.

Mentre in casa Lecce si attende l’arrivo di Tumminello, affare ormai concluso con l’Atalanta e si lavora in uscita, ci sono da sistemare Arrigoni, Cosenza, Di Matteo, Dubickas e Megelaitis, potrebbe andar via anche Pettinari che dopo aver ricevuto la corte del Crotone valuta il Venezia, in quel caso arriverebbe un altro attaccante e Pucciarelli potrebbe essere il profilo giusto, infine dovrebbe chiudersi la trattativa per il terzino sinistro del Rimini Guiebre ma c’è tempo, fino a fine mese, adesso è tempo di pensare alla prossima gara.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*