Conosciamo meglio Tachtsidis, primo botto del Lecce

Panagiotis Tachtsidis (foto web)
Ottica Salomi

LECCE (di M.C.) – Un centrocampista moderno che può giocare in tutti i ruoli di un centrocampo a 3 e può anche ricoprire uno dei due centrali di un centrocampo a 4; piede sinistro e grande visione di gioco lo hanno proiettato già in giovane età a vestire prestigiose maglie.

Panagiotis Tachtsidis (foto web)

Lui è Panagiotis Tachtsidis, greco, classe 91, pupillo di Zeman, arriva a Lecce dopo un periodo poco fortunato nel Nottingham Forest, squadra inglese, giunge nel Salento per rilanciarsi nel calcio italiano che conosce benissimo, ha vestito infatti le maglie di di Genoa, Cesena, Grosseto, Verona, Roma, Torino, Catania e Cagliari, e per diventare protagonista di un Lecce che vuole continuare ad essere protagonista nella seconda metà del campionato di serie B.

“Tacht” a volte è lento ma è pur sempre un geometra della mediana e diventa determinante quando trova le motivazioni giuste per potersi esprimere al meglio, la sua pecca in carriera è stata la continuità ma le sue qualità sono eccellenti come la sua personalità, è un leader silenzioso che sicuramente saprà entrare immediatamente in sintonia con i nuovi compagni e con la calda piazza giallorossa.

Il suo apporto potrebbe diventare determinante per la squadra salentina che con Liverani, ormai è assodato, cerca la qualità delle giocate e gli inserimenti dei centrocampisti anche in zona gol per mungere sempre qualcosa in più agli equilibri della gara e la storia di Tachtsidis parla per lui: è più di un centrocampista centrale classico, sa fare il regista e l’incursore e riesce anche ad assolvere al compito di incontrista e all’occorrenza riesce a muoversi bene anche sulla trequarti e forte dei suoi 191 centimetri di altezza riesce a rendersi molto pericoloso di testa.

Il mercato del Lecce parte col botto; la società di Via Col. Costadura ha le idee chiare.

Tachtsidis arriva in prestito con diritto di riscatto e obbligo di riscatto in caso di promozione in A.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*