Operazione Short Message: 41 arresti dei carabinieri

SALENTO – È una delle più vaste operazioni degli ultimi anni, in termini di numeri. 200 carabinieri in campo e 41 persone arrestate. Due mancano all’appello perché all’estero. Due associazioni che rifornivano il Salento con fiumi di droga sono state smantellate. Una era attiva sui territori di Tricase e Tiggiano, con ramificazioni a Brindisi e nel Barese, in particolare Terlizzi, dedita alla gestione del traffico di cocaina, eroina, marijuana e hashish sulle piazze di spaccio di numerosi comuni della provincia di Lecce. I canali di approvvigionamento erano riconducibili a esponenti di dell’agguerrito clan malavitoso Dello Russo – Ficco di Terlizzi, che a sua volta si riforniva da soggetti albanesi. Questo gruppo era guidato, secondo le indagini, da Sergio Panarese, di Tricase, sposato con Michela De Ruvo, di Terlizzi, anche lei arrestata. Di distribuire lo stupefacente nel Salento si si occupavano Pasquale Nestola, di collemeto, e Giovanni Rizzo, di Taviano.

La seconda associazione, operante tra Taurisano e Corsano, si occupava principalmente di spaccio di eroina, sempre nei paesi del basso Salento. La droga però arrivava da esponenti della criminalità del quartiere ex 167 di Lecce.

Al vertice ci sarebbe Alessandro Manni.

Fondamentale l’attività di indagine dei carabinieri della stazione di Specchia. Dalle prime luci dell’alba, nelle province di Lecce, Brindisi e Bari, i militari della Compagnia di Tricase, diretti dal capitano Riglietti, supportati dal 6° nucleo elicotteri di Bari, dallo squadrone Eliportato Cacciatori di Puglia e dal nucleo Cinofili di Modugno, hanno eseguito le di custodia cautelare, 30 in carcere e 11 ai domiciliari, emesse dal g.i.p. su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Gli arrestati rispondono a vario titolo di “associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti”, “detenzione ai fini di spaccio” “estorsione” e “detenzione e porto illegale di armi”.

L’operazione, grazie il sostegno tecnico-logistico della Direzione centrale servizi antidroga, è stata sviluppata con attività di indagine sia classica che tecnologica e ha consentito, nel tempo, di eseguire 13 arresti per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e il sequestro di ingenti quantitativi di droga, nonché di una pistola walther ppk calibro 7,65 e relativo munizionamento. Tantissimi gli scambi di droga immortalati dalle telecamere dei carabinieri.

L’operazione è stata battezzata “short message”, perché gli indagati, che in tutto sono 55, comunicavano con brevissimi e criptici messaggi sui cellulari. Le sim venivano poi buttate e sostituite ogni due settimane, a volte gli stessi telefoni venivano gettati via. Al momento degli arresti, con contestuali perquisizioni, sono stati rinvenuti circa 18mila euro in contanti e, nell’intercapedine dell’abitazione di uno dei soggetti, un giubbotto antiproiettile.

I DESTINATARI DELLE MISURE IN CARCERE SONO:

ABATE IVAN, NATO A CASARANO (LE) CL. 1979, RES. TAURISANO (LE);
BLEVE STEFANO, NATO A TRICASE (LE) CL. 1978, RES. A CORSANO (LE);
CALO’ ANTONIO, NATO A LECCE CL. 1972, ALIAS “NANO”;
CALORO OMAR ALBERTO, NATO IN COLOMBIA CL. 1990, RES. IN TRICASE (LE);
CAPECE OMAR, NATO A GLAURUS (SVIZZERA) CL. 1990, RES. IN ALESSANO (LE);
CARANGELO GIULIO, NATO A GALLIPOLI (LE) CL. 1968, RES. A TAURISANO, ALIAS “CHIACCHIERA”;
COLONA DONATO ROSARIO, NATO A TAURISANO (LE) CL. 1976, IVI RESIDENTE, ALIAS “ZAPPA”;
CORPUS ROBERTO, NATO A LECCE CL. 1965, IVI RESIDENTE;
DE ANGELIS DARIO, NATO A GAGLIANO DEL CAPO (LE) CL. 1989, RES. IN TRICASE (LE);
DE LUCA MARIO, NATO A LECCE CL. 1976, IVI RESIDENTE;
DE RUVO MICHELA, NATA A TERLIZZI CL. 1988, IVI RESIDENTE;
DE SARIO GIAMBATTISTA, NATO A TERLIZZI (BA) CL. 1975, IVI RESIDENTE ALIAS “ROCKY”;
DELLO RUSSO ROBERTO, NATO A TERLIZZI (BA) CL. 1980, IVI RESIDENTE ALIAS “MALANDRINO”;
FICCO PAOLO, NATO A RUVO DI PUGLIA (BA) CL. 1979, RES. A TERLIZZI (BA);
FRATTOLILLO LUCA ANDREA, NATO A TRICASE (LE) CL. 1985, IVI RESIDENTE;
FRISONE LUCA, NATO A LECCE CL. 1971, IVI RESIDENTE, ALIAS “FRISA”;
MANNI ALESSANDRO, NATO A CASARANO (LE) CL. 1972, RES. A TAURISANO (LE), ALIAS “MESCIU”;
MARGOLEO SERGIO, NATO A CASARANO (LE) CL. 1992, RES. A UGENTO (LE);
MARTELLA GIANNI, NATO A TRICASE (LE) CL. 1986, RES. A CORSANO (LE);
MARTELLA SIMONE, NATO A TRICASE (LE) CLASSE 1983, RES. IN TIGGIANO (LE), ALIAS “MOTO”;
NESTOLA PASQUALE, NATO A COPERTINO (LE) CL. 1969, RES. A GALATINA FRAZIONE DI COLLEMETO, ALIAS “CICCIO”;
ORLANDO ANTONIO, NATO A TRICASE (LE) CL. 1991, RES. A CORSANO (LE);
PANARESE SERGIO, NATO A TRICASE (LE) CL. 1984, IVI RESIDENTE, ALIAS “FRAGOLA”;
PISPERO NADIA, NATA A TRICASE (LE) CL. 1970, RES. A TAURISANO (LE);
RIZZO ANTONIO, NATO A GAGLIANO DEL CAPO (LE) CL. 1985, RES. A TAURISANO (LE), ALIAS “MAIATO”;
RIZZO GIOVANNI, NATO IN SVIZZERA CL.1968, RES. A TAVIANO, ALIAS “COLLANA”;
RIZZO PAMELA, NATA A TRICASE (LE) CL. 1992, IVI RESIDENTE
SCHIRINZI STEFANO, NATO A POGGIARDO (LE) CL. 1986, RES. A TIGGIANO, ALIAS “SERVOLA”;
VINDICE TEODORO, NATO A BRINDISI CL. 1966, IVI RESIDENTE, ALIAS “PADRE”;
ZOCCO MATTEO, NATO A GAGLIANO DEL CAPO CL. 1995, RESIDENTE A CORSANO (LE);

L’APPLICAZIONE DELLA CUSTODIA CAUTELARE AGLI ARRESTI DOMICILIARI INVECE NEI CONFRONTI DEI SEGUENTI INDAGATI:

CALABRESE EROS, NATO A POGGIARDO (LE) CL. 1987, RES. A CORSANO (LE);
CIULLO ROCCO, NATO A GAGLIANO DEL CAPO (LE) CL. 1996, RES. IN MORCIANO DI LEUCA (LE);
DE IACO ALESSANDRO, NATO A SCORRANO (LE) CL. 1983 RES. POGGIARDO (LE);
ELIA EMANUELA, NATA A POGGIARDO CL. 1975, RES. A TRICASE (LE), ALIAS “MENA”;
FORTIGUERRA CRISTIAN, NATO A TRICASE (LE) CL. 1986, IVI RESIDENTE, ALIAS “CRIGU”;
FRISULLO NADIR, NATO A POGGIARDO (LE) CL. 1993, RES. A TRICASE (LE);
PETRACCA MASSIMILIANO, NATO A LECCE CL. 1978, RES. A CASTRIGNANO DEL CAPO (LE);
PIANI SIMONE, NATO A GAGLIANO DEL CAPO (LE) CL. 1989, RES.IN ALESSANO (LE);
RAINO’ DONATO ANGELO, NATO A TAVIANO (LE) CL. 1967, IVI RESIDENTE, DETTO “DONATELLO”;
SANTO ROBERTO, NATO A LECCE CL. 1974, IVI RESIDENTE, DETTO “GEMELLO”;
SAVARELLI SALVATORE, NATO A GAGLIANO DEL CAPO (LE) CL. 1994, IVI RESIDENTE.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*