Nuova sede del Consiglio, 1012 postazioni per 300 dipendenti

BARI – Nella nuova sede del Consiglio regionale della Puglia ci sarà davvero posto per tutti. Ma proprio tutti, considerato che le postazioni di lavoro sono 550 più di quelle previste e 700 più di quelle che, in teoria, servono.

Anche questa voce, assieme alle plafoniere e ai controsoffitti è finita sotto la lente di Procura e Corte dei conti. La vicenda non è di poco conto perché questa voce, aumentata nella quinta variante del progetto iniziale, equivarrebbe ad un maggiore costo.

Ma andiamo con ordine. Inizialmente erano previste 462 postazioni di lavoro. Numero già stimato per eccesso visto che i dipendenti del Consiglio sono circa 300, più i 50 consiglieri regionali e i relativi staff. Ognuna di queste postazioni è dotata di tutto l’occorrente: prese elettriche telefono, linea internet. Ma mentre nel 2015 i consiglieri si son ridotti da 70 a 50, le postazioni, con la quinta variante, sono nel tempo cresciute, passando appunto da 462 a 1012. Quindi 550 in più della previsione iniziale e 700 più dei dipendenti effettivi. Ma oltre al numero è cresciuto anche il costo. Perché da 102,36 euro si è passati a 268 euro. “Il 250% in più” hanno fatto notare i consiglieri del Movimento 5 stelle nell’esposto presentato qualche giorno fa a Procura e Corte dei Conti.

Perché è aumentato? Perché – si legge – si è pensato di aggiungere una presa elettrica, una presa telefonica e due prese spie presenza. Questi quattro elementi sono costati 166 euro in più per ogni postazione. Che in totale diventano 217.734 euro.

La domanda è, oltre al prezzo, chi siederà a quelle 550 postazioni in più? La Regione assicura che la notizia non è negativa, questo aumento è persino positivo perché così potranno trasferirsi nella sede del Consiglio anche i dipendenti degli assessorati che non avevano trovato posto nel palazzo accanto. Ci sarebbe, però, da capire chi e perché ha commissionato alla ditta un aumento così vertiginoso delle postazioni visto che la dotazione organica era più o meno la stessa al momento della progettazione dell’intera sede.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*