Grattacapo “difesa” per Liverani ma ecco Lucioni

Fabio Lucioni, 31 anni, difensore del Lecce (foto Pinto)

LECCE (di M.C.) – Bovo e Riccardi non disponibili, per il centrale romano il rientro è previsto dopo la sosta, mentre l’ex Verona continua il suo lento recupero dopo l’intervento della scorsa stagione; Meccariello e Calderoni, espulsi nella gara di Pescara, sono stati squalificati dal Giudice sportivo per un turno.

Il post di Lucioni

Liverani si ritrova a dover reinventare la difesa e la sua fortuna più grande è quella di riavere a disposizione Fabio Lucioni, al rientro dopo la squalifica. Ed è carico a palla l’ex Benevento che su Instagram scrive: “Non ne potevo più di stare fuori, è stata durissima. Ma non voglio più pensare al passato, c’è un futuro che mi aspetta e non vedo l’ora di tornare in campo”. E sicuramente sarà in campo a Cosenza, sabato alle 18, contro la squadra di Braglia, e Liverani potrebbe decidere di schierarlo con Marino al centro e con Fiamozzi e Venuti ai lati, questa potrebbe essere una delle soluzioni. Molto ermetico il tecnico romano non lascia trasparire mai nulla delle sue intenzioni quindi nessuno si stupirebbe se a sinistra schierasse Di Matteo, con Fiamozzi a destra e Venuti al centro con Lucioni. Sono diverse le soluzioni senza dimenticare mai che in panchina c’è Cosenza che potrebbe fare coppia con Lucioni, in una difesa con Venuti e Fiamozzi ai lati. Le soluzioni non mancano, la rosa del Lecce è ampia.

La compagine giallorossa è in ritiro nella Capitale, dove ha svolto primi allenamenti presso il centro sportivo Nuova Tor Tre Teste, e alloggia al Mancini Park Hotel dove nella scorsa stagione ritrovò la serenità in un periodo particolare, prima del rush finale che poi la vide tagliare il nastro della promozione; quindi studieranno e proveranno tecniche, tattiche, e strategie lontani da occhi indiscreti e da distrazioni per cercare di ottenere il massimo dalla trasferta in terra silana dopo la l’immeritata battuta d’arresto arrivata all’Adriatico di Pescara.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*