Don Tonino tra le pagine di due nuovi libri

LECCE – “Ha scritto “t’amo” sulla roccia”, di Vito Angiuli, e “Con Cristo sulle strade del mondo”, antologia di scritti di Don Tonino a cura di Giancarlo Piccinni. Due libri sulla figura del vescovo tanto amato sono stati presentati a Lecce, nella sala dell’Episcopio, piazza Duomo. L’incontro è stato organizzato dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose Metropolitano “Don Tonino Bello” di Lecce, con la collaborazione della Diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, dell’Università del Salento e della Libreria Feltrinelli.
“È stata l’occasione propizia per ufficializzare la denominazione del nuovo Istituto Superiore di Scienze Religiose, divenuto Metropolitano, intitolato appunto a Don Tonino Bello” ha detto don Luigi Manca, direttore dell’istituto.
I relatori, prof. Fabio Pollice e don Alessandro D’Elia, hanno sottolineato l’originalità dei due volumii: quello di Mons. Angiuli che racconta una fase della vita di Don Tonino poco esplorata dagli studiosi, quella degli anni in cui i vescovo originario di Alessano è stato educatore in seminario tra i giovani. Anche l’antologia curata dal dott. Piccinni rende nota una serie di scritti e di omelie con cui  Don Tonino traccia una Chiesa tutta missionaria ,“in uscita”, per usare un’espressione di Papa Francesco.
Mons. Angiuli ha rimarcato l’importanza di mostrare come la stagione della vita di Don Tonino tutta dedicata alla formazione dei seminaristi e dei giovani sia la chiave di lettura per poter comprendere la sua figura di profeta e difensore degli ultimi.
Due libri che delineano due coordinate decisive della vita e dell’operato del vescovo di Molfetta: la dimensione educativa e la dimensione missionaria.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*