Lecce-Palermo 1-2: prima sconfitta casalinga per i salentini

Foto Pinto

LECCE (di M.Cassone) – Al Via del Mare per l’ottava giornata del campionato di serie B arriva il Palermo di Stellone ed il pubblico è quello delle grandi occasioni, sugli spalti ci sono 12719 spettatori che danno vita ad un tifo spettacolare.

Le due squadre giocano da subito una gara su ritmi alti che alla fine premia gli ospiti che fanno bottino pieno.

La serata inizia e finisce nel peggiore dei modi per Liverani, che deve rinunciare a Falco e Bovo infortunati prima della gara, e si affida alla fantasia di Mancosu sulla trequarti, sceglie ancora Palombi e La Mantia in attacco, consegna le chiavi del centrocampo a Petriccione affiancato da Scavone e Tabanelli, e in in difesa, da destra verso sinistra si affida a Venuti, Marino, Meccariello e Calderoni con Vigorito in porta.

Il tecnico rosanero, Stellone, cambia tutto rispetto all’ultima gara e schiera la difesa a tre con Bellusci, Rajkovic, Struna, in porta Brignoli, centrocampo a 4 con Rispoli, Murawski, Jajalo, Mazzotta, e poi Falletti a ridosso delle punte Moreo e Nestorovski.

Arbitra il sig. Volpi di Arezzo.

Si viaggia subito su ritmi alti ed entrambe giocano un calcio propositivo. Al 14° Mancosu va vicino al gol di testa ma a passare in vantaggio è il Palermo al 29° con il capitano Nestorovski che arriva come un treno fa sua la sfera che carambola tra Moreo e Marino e di sinistro la infila alle spalle di Vigorito. I padroni di casa però reagiscono subito con Tabanelli ma la mira è imprecisa ma è solo il preludio di quello che accadrà al 37° quando Scavone con una sciabolata morbida la mette in mezzo ma Rajkovic respinge e dal limite dell’area Tabanelli estrae dal cilindro una magia e la piazza all’angolino di Brignoli.

I padroni di casa chiudono in avanti ma il primo tempo termina uno a uno.

Nel secondo tempo Stellone fa saltare gli schemi inserendo tutto il potenziale offensivo a disposizione, manda infatti in campo Trajkoski e Puscas oltre ad Aleesami ed è proprio Puscas a trovare il gol vittoria all’85°: fa sua la sfera colpita di tacco da Nestorovski, batte Vigorito, e taglia in due le speranze giallorosse.
Liverani risponde ai cambi di Stellone con Pettinari, Haye e Dubickas; il Lecce si riversa in avanti e cerca il pareggio fino alla fine, e proprio allo scadere è Pettinari ad andare vicinissimo al gol.

Termina con la vittoria rosanero e con un Lecce che assapora l’amaro gusto della prima sconfitta casalinga ma esce dal campo a testa alta applaudito da un grande pubblico.

Il tempo però scorre veloce in questo campionato di serie B e sabato per i giallorossi c’è il derby a Foggia contro una squadra che ha bisogno di punti e di riscatto, impegno difficile ma avranno subito l’occasione per rifarsi da una sconfitta che forse non avrebbero meritato.

PRIMO TEMPO – Prima dell’inizio della gara a bordo campo viene presentata la Salento Woman Soccer, la società di calcio femminile che partecipa al campionato di serie C ed è legata all’US Lecce.

Il Palermo parte forte con Moreo che si invola, entra in area ma arriva Marino che lo recupera in corner, sugli sviluppi libera la difesa di casa. Il Lecce però è vivo, pimpante e propositivo e gioca un buon calcio

Al 4° Tabanelli apre per Mancosu che allarga per Venuti, va sul fondo e crossa ma Jajalo si salva in angolo; sugli sviluppi arriva Marino dalla retroguardia e spara fuori. Al 7° ci prova Mancosu da fuori ma la sfera termina alta sopra la traversa. Capovolgimento di fronte e Meccariello chiude di carattere su Nestorovski.

La partita è vibrante.

Al 14° Petriccione batte una punizione scodellando la sfera al centro dell’area ma la difesa devia in angolo, lo batte lo stesso calciatore ex Fiorentina e Mancosu di testa va vicino al gol ma la palla termina di poco fuori.

Gli ospiti però reagiscono bene e poco dopo Falletti la mette in mezzo per Moreo ma Meccariello in tuffo di testa manda fuori; al 18° è Mazzotta a provare la conclusione ma spara fuori, e al 19° Moreo serve ancora Mazzotta che calcia in porta ma la conclusione è fuori misura.

Il Palermo accelera e passa in vantaggio al 29° con Nestorovski che arriva a rimorchio su Moreo fermato da Marino e con una precisione chirurgica batte Vigorito.

Il Lecce reagisce subito e ci prova con Tabanelli mala mira è imprecisa.

Intanto dalla Nord si alza il coro: “Forza Lecce, non mollare mai”.

E al 33° i giallorossi vanno vicinissimi al gol: Palombi serve La Mantia che però si fa anticipare da Brignoli.

Il gol di Tabanelli, foto Pinto

Al 37° arriva la magia di Tabanelli che pareggia i conti: l’ex Padova riprende una respinta di Rajkovic sul cross di Scavone e al volo dal limite dell’area trova l’angolo giusto e castiga Brignoli.

Il Lecce cresce col passare dei minuti e chiude in avanti.

Si va al riposo sull’uno a uno.

SECONDO TEMPO – Si riparte su ritmi alti, il canovaccio è quello della prima frazione di gioco ed arrivano i primi due cartellini e sono rosanero, prima Mazzotta al 51° e dopo un minuto Jajalo.

Al 54° episodio dubbio in area palermitana: Calderoni crossa al centro per La Mantia che va giù forse dopo aver ricevuto una spinta da Mazzotta, per il sig. Volpi però è tutto regolare.

Al 64° primo cambio per il Palermo: dentro Aleesami per Mazzotta.

Al 65° giallo per La Mantia per un fallo su Bellusci.

La gara è apertissima entrambe le compagini cercano il pertugio giusto in cui infilare la botta decisiva.

Al 68° Tabanelli apre per Calderoni che va sul fondo e crossa in mezzo ma non arriva nessuno.

La gara è molto tattica, le due squadre si guardano fisse negli occhi e si rispettano ma provano ad offendersi senza perdere la giusta attenzione.

Al 71° Stellone richiama in panchina Moreo e manda in campo Trajkoski giocando col doppio trequartista alle spalle del capitano. Ed è proprio il fantasista macedone a provare la conclusione a giro al 74° ma la sfera termina fuori. I rosanero accelerano.

Al 79° Mancosu la piazza in modo morbido in area per La Mantia che colpisce di testa ma sbaglia la mira.

Al minuto 82° terzo cambio per il Palermo: dentro Puscas per Rispoli ed è trazione anteriore massima per i rosanero.

Liverani risponde con Pettinari per La Mantia e Haye per Mancosu al minuto 84.

Subito dopo il Palermo passa in vantaggio con Puscas che prende il colpo di tacco di Nestorovski e batte Vigorito.

Al minuto 87° Pettinari va vicino al pareggio ma il suo tiro è parato da Brignoli, e poco dopo Meccariello non arriva per un nonnulla sulla sfera.

Al 90° terzo cambio per il Lecce: Dubickas al posto di Scavone mentre segnalano 4 minuti di recupero.

I padroni di casa si riversano in avanti confusamente e allo scadere ci prova Pettinari ma Brignoli chiude la porta e mette in cassaforte 3 punti importantissimi.

Il Lecce non ha demeritato e il Palermo si dimostra una squadra dal potenziaale offensivo esplosivo costruita per vincere il campionato.

TABELLINO

LECCE-PALERMO 1-2

LECCE (4-3-1-2):Vigorito; Venuti, Marino, Meccariello, Calderoni; Tabanelli, Petriccione, Scavone (90° Dubickas); Mancosu (cap.) (84° Haye); La Mantia (84° Pettinari), Palombi. A disposizione: Bleve, Cosenza, Arrigoni, Lepore, Torromino, Dubickas, Tsonev, Fiamozzi, Armellino. Allenatore: Liverani

PALERMO: (3-4-1-2): Brignoli; Bellusci, Rajkovic, Struna; Rispoli (82° Puscas), Murawski, Jajalo, Mazzotta (64° Aleesami); Falletti; Moreo (71°Trajkoski), Nestorovski (cap.). A disposizione: Avogadri, Pomini, Accardi, Salvi, Fiordilino, Szyminski, Pirrello, Haas. Allenatore: Stellone

ARBITRO:sig. Manuel Volpi di Arezzo

ASSISTENTI: sig. Michele Lombardi di Brescia e sig. Valerio Colarossi di Roma 2; IV ufficiale sig. Livio Marinelli di Tivoli.

MARCATORI: 29° Nestorovski (P), 37° Tabanelli (L), 85° Puscas (P)

AMMONITI: 51° Mazzotta (P), 53° Jajalo (P), 87°Nestorovski (P) 89° Brignoli (P)

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*