Provinciali, nel centrodestra la Lega non presenta candidati

LECCE- Dal tavolo regionale a quelli provinciali: se Forza Italia ha ufficializzato i nomi per le candidature alle presidenze delle Province di Lecce, Brindisi e Taranto, resta top secret la posizione di Direzione Italia. Per gli azzurri a Taranto potrebbe esser Gugliotti, a Brindisi Caroli ed a Lecce Gianni Marra. Tre sindaci che dovranno però aggregare il maggior consenso possibile tra i colleghi, ed i vari consiglieri comunali dei municipi delle loro province, per aver la meglio ed esser eventualmente eletti presidenti nei rispettivi territori.

Alcuna spaccatura all’interno della Lega, anche se nei giorni scorsi il senatore Roberto Marti spingeva sul nome del primo cittadino di Nardò Pippi Mellone, mentre qualcuno ipotizzava quello di Martella, sindaco di Nociglia vicino alle posizioni del segretario regionale Caroppo ma mai messosi in corsa. C’è convinzione, da parte dei salviniani, di dover esser nella coalizione senza pregiudizi ma senza porre alcun loro nome. Sia per la segreteria regionale che per quella della provincia di Lecce capitanata da Elisa Rizzello, il partito di Salvini è pronto ad avallare il nome del sindaco del centrodestra più rappresentativo ed in grado di poter vincere la consultazione elettorale di fine ottobre.

Sul tavolo per la corsa alla poltrona più alta della Provincia ufficiale è solo il nome di Marra perché, secondo la Lega, la candidatura di Mellone, se realmente ci dovesse essere, sarebbe un’autocandidatura, non essendo un nome interno ma espressione di Andare Oltre che altro non è che la sigla del suo Movimento civico.
I fittiani, attraverso Gabellone, percorrerebbero ancora la strada del candidato trasversale in attesa che le Province tornino ente di primo grado. Alla fine, però, potrebbero porre la candidatura del primo cittadino di Casarano, Gianni Stefano, anche se il sindaco di Squinzano Gianni Marra vanterebbe una solida vicinanza, dopo il periodo dello strappo, proprio con l’europarlamentare di Maglie.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*