Picchia la ex e il figlio di lei: per sfuggire ai carabinieri si getta in una cisterna

MARTANO – Nel pomeriggio di oggi a Martano i militari della locale Stazione Carabinieri hanno arrestato in flagranza per evasione e rapina un 44enne di origine rumena, residente a Martano, già conosciuto alle forze dell’ordine.

L’uomo, dopo essere evaso dagli arresti domiciliari cui era sottoposto per maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione e violazione di domicilio, si è recato nell’abitazione della propria ex convivente e del figlio di questa, entrambi domiciliati in un appartamento adiacente a quello dell’arrestato. Il 44enne ha picchiato la donna e il figlio e si è impossessato di un telefono cellulare.
E’ scattata immediata la richiesta di aiuto e, a seguito dell’intervento dei Carabinieri, l’evaso si è barricato in casa per poi fuggire da un balcone posteriore, rifugiandosi all’interno di una cisterna in disuso. Si è procurato qualche fattura e poi è stato tirato su dai vigili del fuoco.

La donna e il figlio hanno invece riportato rispettivamente lievi contusioni senza prognosi e la presunta frattura della mano destra.
L’uomo, dopo la medicazione, è stato portato in carcere.
Durante l’operazione, inolte, non è sfuggito ai militari un particolare in una abitazione vicina: una pianta di Canapa indiana dell’altezza di circa 2 metri in ottimo stato vegetativo. Per questo è stato denunciato a piede libero un 63enne, per coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*