Discarica Burgesi, vertice in Regione: parte il piano operativo per la ricerca dei fusti tossici

BARI – Gli ultimi dati dei campionamenti che l’Arpa ha portato al tavolo, sono stati definiti “tranquillizzanti” ma questo non vorrà dire che passerà altro tempo per capire se nella discarica di Burgesi ci sono i fusti tossici interrati, come dichiarato dal pentito Rosafio.

Parte, dunque, la fase operativa del piano straordinario approvato già da tempo. La certezza è arrivata nel corso del vertice convocato a Bari e al quale hanno preso parte tutti, Regione, Provincia, Comune, Arpa, Asl.

Dunque, nelle prossime ore, dopo l’acquisizione dei pareri degli uffici competenti, si deciderà se verificare la presenza o meno dei fusti con metodo diretto, come deciso dalla giunta regionale il mese scorso, o con metodo indiretto. Il primo, preoccupa per la invasività – si dovrebbe scoperchiare l’intero impianto – ma è ritenuto preciso, il secondo come confermato da CNR e Arpa sarebbe immediatamente eseguibile, grazie all’uso degli elettrodi, ed è meno invasivo. Ma, si è anche detto, l’uno non esclude l’altro.

Nel corso dell’ultima riunione da convocare per la prossima settimana, si saprà quale dei due metodi sarà utilizzato. In quella stessa sede si avrà il conto esatto dei costi – si capirà dunque se serviranno ulteriori fondi oltre ai 477mila euro stimati – e il cronoprogramma esatto dei campionamenti, monitoraggi e controlli.

Alla Regione, si è detto a conferma, spetterà il compito di realizzare i nuovi pozzi di osservazione, i piezometri – 3 lungo il perimetro della discarica e 3 all’esterno – e sostenere le eventuali bonifiche, qualora appunto si riscontri la presenza dei fusti. La Asl, infine, dovrà avviare i campionamenti sulla filiera alimentare e sulla falda per accertare eventuale presenza di inquinanti. I fondi, inoltre, saranno trasferiti a breve. Soddisfatto il sindaco di Ugento Massimo Lecci che auspica, ora, “l’attuazione del piano nel più breve tempo possibile”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*