Ballottaggi, affluenza ore 19: Brindisi 28,47%, Francavilla Fontana 33,34%, Oria 43,71%

BRINDISI – La forbice dell’affluenza tra il primo e il secondo turno per le elezioni amministrative si è fatta importante. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per il giorno dell’ultima chiamata al voto per gli elettori di Brindisi, Francavilla Fontana e Oria che, dopo il primo round, tornano ad esprimere la propria preferenza sui futuri primi cittadini.

Alle 19, il dato dell’affluenza a Brindisi è stato di 15 punti percentuali in meno rispetto allo stesso orario dello scorso 10 giugno: a votare si è presentato il 28,47 per cento degli elettori a fronte del 43,94 di due settimane fa. A Francavilla Fontana, lo scarto, che era di 4 punti a mezzogiorno, è diventato di 12: alle urne si è presentato il 33,34 per cento degli aventi diritto contro il 45,59 della prima tornata. Va meglio a Oria, dove la differenza è stata di otto punti rispetto alle 19 del 10 giugno. Il suo è uno dei dati migliori d’Italia, con un’affluenza pari al 43,71 per cento.

Dato comune: le sfide ardue.

A Brindisi, il duello all’ultima scheda elettorale è tra Roberto Cavalera, avvocato ed espressione del Centrodestra, e Riccardo Rossi ingegnere e sfidante di centrosinistra. Al primo turno Cavalera ha ottenuto il 34,72 per cento dei consensi, Rossi il 23,50 per cento.

Nella Città degli Imperiali (Francavilla) la sfida a due è tra l’uscente (prima del commissariamento) Maurizio Bruno e Antonello Denuzzo. Il primo, espressione del centrosinistra con il Partito democratico in testa, il 10 giugno scorso ha ottenuto il 37,23 per cento delle preferenze, mentre il secondo, avvocato e volto nuovo in politica, ha raccolto il 24,09 per cento.

A Oria invece la sfida è tra Maria Lucia Carone, sostenuta dalle civiche, e Pino Carbone, espressione del Centrodestra. Al turno precedente lui ha ottenuto il 46,29 per cento delle preferenze, lei il 45,87 per cento.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*