Offerte perché vedeva la Madonna: dopo l’arresto, il sequestro di 250mila euro

doc cantina salice

BRINDISI- Arrestata insieme al marito il 29 gennaio scorso in esecuzione dell’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere disposta dal G.I.P. del Tribunale di Brindisi per reato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, ora Sveva Cardinale deve pagare anche i conti dell’evasione fiscale. La Cardinale diceva di vedere la Madonna, e la gente, per questo, le lasciava delle offerte in denaro.

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Brindisi ora hanno ultimato le indagini fiscali della principale indagata dell’operazione denominata “Reservoir Dog”, dal titolo originale del film di Quentin Tarantino “Le iene”, poiché l’omonima trasmissione di Italia Uno sollevò il caso. Le fiamme gialle hanno eseguito le verifiche parallelamente all’attività di polizia giudiziaria delegata dalla locale Procura della Repubblica e hanno rilevato che le condotte censurate in sede penale hanno generato in capo all’indagata il suo illecito arricchimento per circa 4 milioni di euro. Questo importo, derivante dalle elargizioni delle vittime dei raggiri, è stato recuperato a tassazione in quanto ritenuto provento dell’attività illecita e, pertanto, soggetto per legge all’IRPEF, imposta gravante sui redditi delle persone fisiche.

L’imposta complessivamente evasa è stata stimata in circa un milione e mezzo di euro, con riferimento agli ultimi cinque anni d’imposta che sono stati oggetto della verifica fiscale. Gli importi così determinati hanno fatto scattare la denuncia, anche in sede penale, per i reati di omessa dichiarazione, con riferimento ai periodi d’imposta dal 2012 al 2015, e di dichiarazione infedele relativamente all’anno di imposta 2016. La Procura ha quindi disposto il sequestro preventivo d’urgenza – finalizzato alla confisca per equivalente – delle disponibilità liquide dell’indagata per un ammontare di 250.000 Euro.

La Cardinale nacque uomo, si chiamava Paolo Catanzaro. Nei primi anni Novanta, quando era giovanissimo, in una chiesetta in contrada Uggio, iniziò a incontrare i fedeli dicendo di avere le visioni mariane. E prendeva i soldi delle offerte di quanti accorrevano ad assistere a questi eventi. La Chiesa non ha mai riconosciuto le apparizioni. Probabilmente con quel denaro potè permettersi il cambio di sesso. Oggi la Cardinale ha 43 anni ed è sposata. L’operazione consentì di svelare il disegno criminoso dei due coniugi brindisini i quali, con artifici e raggiri, consistenti nell’adozione di tecniche volte a suggestionare i malcapitati approfittando del loro stato di soggezione psicologica, erano riusciti ad ottenere dalle vittime cospicue somme di denaro, quantificate in almeno 4 milioni di Euro, utilizzate per effettuare investimenti finanziari, viaggi all’estero, acquisto di gioielli e consentendo loro di accumulare un considerevole patrimonio immobiliare.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*