Il processo fatto dai ragazzi, studenti del Palmieri in scena nella Corte d’Appello

LECCE- La procedura penale e la cultura classica. Due mondi opposti, solo apparentemente. Perché l’animo umano e sue passioni portano ad azioni che spesso finiscono poi nelle aule dei tribunali.  Nell’Aula Magna della Corte d’Appello di Lecce il mondo della giustizia si è incontrato con gli studenti del liceo classico palmieri con la simulazione di un vero processo, quello a due donne simbolo di crimini, Medea e Tess d’Uberville.

I ragazzi, di fronte al Presidente della Corte d’Appello Roberto Tanisi, che ha poi emesso la sentenza, hanno interpretato i ruoli di imputati, difensori e accusatori. Il progetto è stata la fase conclusiva del progetto Dike, rivolto ai giovani, e che ha lo scopo di ricostruire l’attualità dei classici , ma anche la legge e la legalità.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*