San Donato, dopo il comizio l’intera auto del sindaco rigata. Lui: “ennesimo gesto vigliacco”

SAN DONATO – Nell’ottobre 2011 alcune pietre furono lanciate contro la finestra del suo ufficio in municipio, poi a giugno 2012 l’auto della figlia fu distrutta della fiamme. La storia si ripete per il sindaco di San Donato Ezio Conte che, sabato scorso, dopo aver stilato un bilancio degli ultimi 5 anni di amministrazione a sua guida nel corso di un comizio del suo gruppo politico “Libertà” ha dovuto fare i conti con l’amara sorpresa: la sua auto rigata su tutti e 4 i lati.

Sul palco aveva tracciato un bilancio e presentato il nuovo candidato sindaco alle prossime elezioni comunali, Cesare Taurino. Non è la prima volta, appunto, che il primo cittadino si ritrova a pagare il prezzo di quelli che definisce “gesti vigliacchi” e che spera che nulla abbiano a che vedere con la campagna elettorale.

Le autovetture si confermano in queste comunali i bersagli più gettonati per le intimidazioni. Meno di un mese fa, lo scorso 10 aprile, un altro episodio simile a Squinzano: ad essere imbrattata con vernice nera e scritte indecifrabili è stata l’auto di un consigliere ricandidato nella lista del già sindaco Gianni Marra.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*