Surbo, Maroccia: “Vincenti ottimista? ha trascinato Surbo sotto la lente della Procura”. Il sindaco: “rispetto le istituzioni”

SURBO – “Vincenti Ottimista? È lui che ha trascinato Surbo sotto la lente della Procura per tutte le attività svolte in modo borderline tanto da paventare il possibile scioglimento per infiltrazioni mafiose” Giuseppe Maroccia, già consigliere comunale di Surbo, attacca così il sindaco Fabio Vincenti: “Ricandidarsi? Avrebbe dovuto dimettersi per evitare questa situazione. Invece di fare un mea culpa e chiedere scusa ai cittadini per aver riportato Surbo indietro nel tempo, rifacendo vivere lo spettro dello scioglimento per mafia, proprio come accadde nel 1991, tuona dalle testate locali annunciando una sua prossima candidatura. Parole che negli uomini coscienziosi e con un minimo di morale appaiono veri e propri ammonimenti. Mi sarei aspettato che Vincenti con un atto di responsabilità si dimettesse mesi addietro, proprio per evitare alla nostra comunità un’ulteriore umiliazione ed un commissariamento, ma niente!”.

Lo dice dopo che la commissione d’accesso antimafia che lo scorso 22 novembre si è insediata nel Comune di Surbo su disposizione del Prefetto Claudio Palomba, ha depositato la sua relazione.  Il prefetto ora ha 45 giorni di tempo per esprimersi sull’ipotesi commissariamento.

Il primo cittadino, dal canto suo, risponde: “Io sono rispettoso delle istituzioni e quindi tutto ciò che hanno fatto in questo periodo sarà frutto di valutazioni.

Non ho trascinato io Surbo in questa situazione, è stata posta in essere un’attività investigativa. Essendo io totalmente garantista, aspetto ora l’esito dei diversi step previsti dalla legge per quanto riguarda i soggetti coinvolti, attendo l’esito dell’attività della commissione. Tutto ciò non può che fare chiarezza. Se qualcuno ha sbagliato, ne risponderà. Piuttosto -dice riferendosi a Maroccia- dovrebbe spiegare lui le sue dimissioni e tante altre cose. Io non avevo alcun motivo di dimettermi. Attendo serenamente l’esito della commissione e, se sarà positivo, mi ricandiderò e mi sottoporrò al giudizio politico della gente”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*