Asl, cambio al vertice vicino. Pronto il commissariamento di Brindisi e Taranto

BARI – Le nomine dei nuovi assessori sono momentaneamente in stand by perché nei partiti non si trova la quadra e allora il governatore Michele Emiliano passa alle Aziende Sanitarie Locali. Dopo il cambio al vertice alla Asl di Lecce, con il turn over Silvana Melli Ottavio Narracci, è tempo di pensare ai manager di Brindisi e Taranto. Nelle prossime ore, le due Asl in questione saranno commissariate.

Il via libera al commissariamento arriverà nella giunta straordinaria di mercoledì. I direttori generali uscenti, Giuseppe Pasqualone di Brindisi e Stefano Rossi di Taranto, resteranno in sella ma da commissari straordinari. Ma questo atto che solo apparentemente non cambia di molto la situazione, è in realtà il preludio delle nomine vere e proprie. Il cambio dei vertici è atteso dallo scorso anno ma, sino ad oggi, è stato sempre rimandato.

Inizialmente il progetto era quello di accorpare le tre Asl del Salento in una unica azienda sanitaria ma, le polemiche divampate dopo le anticipazioni di TeleramaNews, hanno fatto accantonare il progetto. Poi, però, sono subentrare le regole nazionali per la nomina dei direttori e la lunga attesa dell’albo unico da cui tutte le regioni dovranno attingere. Ora, però, inizia a muoversi qualcosa e il commissariamento lo dimostra. Ci vorranno, a questo punto, presumibilmente 45 giorni per conoscere i nomi dei nuovi direttori generali, tempo di chiarire le procedure previste dalla nuova legge nazionale e scegliere chi dovrà dirigere le Asl di Brindisi e Taranto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*