9 anni per sgomberare un alloggio dagli abusivi, Arca Sud chiarisce la sua posizione

LECCE- In merito al nostro servizio andato in onda lo scorso 7 aprile sul risarcimento che Arca Sud dovrà dare ad una 86enne, assegnataria di un alloggio popolare ma occupato abusivamente per 9 anni, l’Ente ha  replicato chiarendo la sua posizione: “L’ex Iacp chiese nel lontano luglio 2004 al Comune di Lecce di individuare sulla base della graduatoria vigente l’assegnatario dell’alloggio. Il provvedimento in favore della signora, oggi 86enne, venne emesso solo nel marzo 2005, quindi dopo 8 mesi, durante i quali l’appartamento venne occupato abusivamente da una famiglia con due bambini”. La Cassazione civile ha stabilito che la casa popolare spetta al soggetto assegnatario e non all’occupante abusivo, con la conseguenza che l’alloggio deve essere liberato e il danno partito va ristorato, condannando l’Ex Iacp a risarcire la signora”. E così è stato. Ma Arca Sud chiarisce che la famiglia occupante presentò opposizione al rilascio innanzi al giudice civile, ma nonostante questo la forte opposizione si concluse vittoriosamente per l’ex Iacp condannandoli al rilascio. L’esecuzione per lo sgombero venne successivamente portata avanti con l’Ufficiale Giudiziario, ma più   volte rinviata solo a causa della ferma opposizione da parte degli abusivi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*